Da suora a cantante, da splendido usignolo canoro a attrice: le sorprese non finiscono mai per Suor Cristina, al secolo  Cristina Scuccia. “Sister Act – Il Musical” sarà la sua prima esperienza da co-protagonista  al Teatro Brancaccio di Roma dal 10 dicembre 2015, una sceneggiatura  diretta da Saverio Marconi. La vincitrice di The voice of Italy continua decisa a percorrere la strada della musica, legata al mondo spettacolo: “Il teatro è un modo per lanciare il mio messaggio d’amore”, ha dichiarato durante la conferenza stampa di oggi.

Sister Act - Il Musical dal 10 dicembre al Teatro Brancaccio di Roma
Sister Act – Il Musical

Suor Cristina al Teatro Brancaccio di Roma: “Papa Francesco? Credo che mi appoggerebbe…”

Suor Cristina al teatro Brancaccio di Roma con Sister Act Il Musical
Suor Cristina

La 27enne collaborerà con una squadra di 50 persone, tra cast artistico e comparti creativo e organizzativo. Affiancherà in particolare  la protagonista madrilena Belia Martin, che interpreterà  il ruolo di Deloris, portato alla celebrità da Whoopi Goldberg; e poi ancora  Pino Strabioli, che sarà  monsignor ÒHara  e Francesca Taverni, nei panni della Madre Superiora.

E nei piani “alti”, cosa pensano di lei? “Credo che Papa Francesco mi appoggerebbe, perché la Chiesa deve accorciare le distanze con la gente. Che Dio benedica questo musical!” – dichiara Suor Cristina.

Il musical conta  25 brani, scritti dal celebre autore Disney Alan Menken, che emanano  atmosfere soul, funky e disco anni ’70.  Cristina è affiancata dalla protagonista madrilena Belia Martin (nel ruolo di Deloris, portato alla celebrità da Whoopi Goldberg), Pino Strabioli (in quello di monsignor ÒHara) e Francesca Taverni (nei panni della Madre Superiora).

Il ruolo di Suor Cristina sarà quello della novizia Suor Maria Roberta, che ha molto in comune con la sua storia privata: “La novizia è una ragazzina, ancora non ha ricevuto la chiamata e si trova a scegliere tra il mondo esterno e il convento. Si farà tante domande, ma poi deciderà di donarsi completamente al Signore. In fondo è stato così anche per me quando ho fatto la mia scelta. I soldi che guadagnerò con questo musical verranno devoluti alla congregazione per finanziare i progetti di solidarietà che abbiamo in Brasile; l’obiettivo è di aiutare i bambini che vorrebbero creare una banda musicale”.

La giovanissima suora riesce a conciliare benissimo i suoi due impegni; da quando nel  2012,  dopo essere stata 2 anni in Brasile per il noviziato, ha preso i primi voti non ha mai dimenticato Gesù e la sua fede,  che l’hanno portata a intraprendere il cammino di The Voice. “Ho un dono e ve lo dono”.

 nell’ipotesi di un progetto discografico, Suor Cristina è più che convinta: “non rinuncio a Dio per un disco“.

LASCIA UN COMMENTO