Al Teatro Agorà di Roma dal 13 maggio al 15 maggio alle ore 21,00 va in scena la commedia “Conosco l’amore solo per sentito dire”, scritta e diretta da Rita Gianini, protagonista Manuela Di Salvia.

Una donna che non riesce più ad avere consapevolezza del suo corpo, della sua immagine. E’ solo un involucro che contiene cibo. Non si guarda. Non si vede. Ma si racconta. E racconta. Racconta tanto. Dei suoi genitori, della sua infanzia, di quegli amori vissuti e soprattutto non vissuti. Il suo specchio è semplicemente un water. Il suo sguardo è quello degli altri: il pubblico. Anoressica, bulimica, logorroica, affamata – più di amore che di cibo – racconta la sua vita in un’ora e mezza attraverso la compulsione della parola e del gesto, chiusa in un bagno. La sua è una vita ironicamente votata all’autodistruzione, anestetizzata dal vomito. Ma non ci sono giudizi. Chi decide che quello che fa sia giusto o sbagliato? Ognuno ha diritto a essere quello che vuole essere. Anche a essere infelice nella propria incapacità di amare.

Conosco l'amore solo per sentito dire al teatro Agorà di Roma

Conosco l’amore solo per sentito dire, ovvero un ironico – tragico – divertente monologo affamato d’amore. I disturbi alimentari sono un modo per comunicare sofferenza quali lutti, abusi, maltrattamenti spesso in età precoce. Pensare in modo ossessivo al cibo- corpo- peso diventa un anestetico che permette di non sentire la sofferenza. E’ un’auto cura. Un modo per sopravvivere. Questi disturbi non devono essere scambiati per malattie dell’appetito, sono disagi psicologici profondi. Malattie dell’amore. L’approccio nutrizionale non permette di elaborare le autentiche cause di questa grave patologia che copre una disperata fame di amore.

Manuela Di Salvia protagonista di uno show che porta alla riflessione. Quello che la regista Rita Gianini vuole raccontare in questo monologo altro non è che una disperata ricerca d’amore attraverso la compulsione.

LASCIA UN COMMENTO