Il calciatore inglese Paul Gascoigne ora sta bene, si è fatto vivo riallacciando i contatti con i suoi più stretti affetti. E’ collassato all’ingresso di un albergo nel centro di Londra. Ubriaco, trasandato, esausto, supplicava per avere un «ultimo drink» mentre piangeva e chiedeva di vedere la ex moglie. Solo l’intervento di una pattuglia di Scotland Yard era riuscito a contenere le sue intemperanze. Subito dopo Gascoigne era svenuto e trasportato in ambulanza nel più vicino ospedale. E’ consapevole di aver sì sbagliato ma è determinato più che mai – almeno a parole – a riprendere la lotta dall’alcolismo.

Il calciatore inglese Paul Gascoigne in ospedale per abuso di alcool
Paul Gascoigne era in ospedale per abuso di alcool

«E’ stato solo un episodio singolo, combatterò e vincerò» , ha detto Paul ai suoi amici che hanno riferito al tabloid di essere dispiaciuto per quanto successo. «Mi sono deluso da solo, ma ora sono quattro giorni che sono sobrio e sono più determinato che mai a superare questo momento» , ha dichiarato Gascoigne, 46 anni. Una determinazione confermata dagli amici che lo hanno visto e ora lo “marcano a vista”. «Paul sa di aver sbagliato e se ne è pentito. A questo punto sa di non poter più commettere altri errori, è circondato da persone che gli vogliono bene e vuole risolvere questo problema una volta per sempre» . Parole già sentite quando Gascoigne, lo scorso febbraio, era rientrato in Gran Bretagna dopo un periodo di ricovero in una clinica per la cura delle dipendenze in Arizona. Quattro settimane fa, in seguito ad un’operazione al bacino, Gazza aveva ripreso a bere. Ora il nuovo impegno.

LASCIA UN COMMENTO