Guai in vista per Adam Levine, ma forse anche un po’ di pubblicità e promozione per il nuovo video di “Animals“, nuovo singolo dei Maroon 5. Nel video Levine è un macellaio sociopatico che persa la testa per una sua cliente, inizia a fotografarla in ogni momento della giornata, fino a quando non riesce ad averla e a “divorarla” come lascia intendere il testo. Il video, che già di per sé potrebbe dare da parlare per la scena finale che avvolge i due protagonisti in un getto di sangue mentre si baciano, intanto ha già raggiunto più di sei milioni di visualizzazioni.

E' polemica sul video di Animals, nuovo singolo dei Maroon 5
E’ polemica sul video di Animals, nuovo singolo dei Maroon 5

Adam Levine fa infuriare le donne con il video di “Animals” – Insomma la curiosità è cresciuta sempre di più anche perché le associazioni statunitensi che proteggono i diritti delle donne si sono fatte sentire subito dopo l’uscita del video: secondo le donne rappresentati del movimento infatti il video tratterebbe in modo troppo banale lo stalking, oltre che a incoraggia la violenza e per l’appunto lo stalking verso le donne. Insomma tutte contro Adam Levine e la sua interpretazione, e stavolta che sia l’uomo più sexy del mondo ha poca importanza.

Katherine Hull, portavoce di Rape Abuse and Incest National Network ha infatti sottolineato quanto emerge dalla visione del video: “Il video Animals dei Maroon 5 è una rappresentazione pericolosa delle fantasie di uno stalker e nessuno deve confondere un crimine di questo tipo con l’amore. La banalizzazione dello stalking – e di altri atti di questo genere – non deve trovare posto nel mondo dello spettacolo“. Più pesante però ci va il National Sexual Violence Resource Centre, che punta il dito proprio contro Levine, che tratterebbe la donna come un pezzo di carne. Una questione simile la suscitò anche il video di Blurred Lines di Thicke, che tra l’altro fu anch’esso in pochi giorni record di visualizzazioni. La band però al momento resta in silenzio, compreso il terribile Adam.

LASCIA UN COMMENTO