Le riprese dell’ultimo film di James Bond si sono ormai concluse e Monica Bellucci, protagonista del film, si dedica all’importante evento romano della Festa del Cinema. La sua attesa presenza è stata accolta con calore, anche in relazione al film Ville-Marie di Guy Édoin che è poi la ragione della sua partecipazione all’evento. Nella pellicola Monica si mostra senza trucco e senza inganno, per meglio rispecchiare il personaggio che inscena: “In questo film interpreto una donna che usa il suo essere diva come una maschera. Ma, da madre, di fronte a un incidente è costretta a toccare la realtà, spogliarsi della corazza e mostrarsi al figlio senza maschere per lui, che è poi l’unica cosa che conta davvero”.

Al Festival del Cinema di Roma arriva Monica Bellucci
Monica Bellucci

Monica Bellucci accende il Festival del Cinema di Roma

Monica Bellucci alla Festa del Cinema di Roma
Monica Bellucci Festa del Cinema di Roma 2015

A detta dell’attrice Monica Bellucci non si può “avere una faccia da copertina” quando si soffre. Togliersi il trucco è dunque, in questa storia, un gesto simbolico e sofferente. Un gesto che racchiude un altro tipo di bellezza. E proprio sulla bellezza Monica commenta: “E’ qualcosa di cui non bisogna essere fieri, prima di tutto, perché è un regalo che ci viene dato. La bellezza passa. Io penso che l’unico modo per rimanere belli sia coltivare la bellezza interiore”. E lei, che tanto spesso è stata definita una sex simbol, ride di questa etichetta e risponde “ho cinquantun anni“. Cinquantun anni splendidamente portati, è ovvio. Lo mostra ancora una volta al photocall, con il suo vestito bianco e nero fiorato, i tacchi alti, i capelli sciolti e l’espressione sempre seducente. Durante i confronti l’attrice si mostra sempre disponibile, riflessiva ed intelligente. Il tutto ben si sposa con la sua seducente immagine, che la rende dunque uno dei soggetti principali della Festa del cinema.

Monica Bellucci: “Penso che in Italia il cinema permette di vedere che il talento c’è”

Proprio in riferimento al tema centrale dell’evento, il mondo del grande schermo, la Bellucci ha riflettuto sulla situazione italiane specie per quanto concerne i talenti emergenti: “Penso che in Italia il cinema permette di vedere che il talento c’è. I bravi registi, i bravi attori… il problema, come dico sempre, è che si fanno troppi pochi film, quindi se ci sono nuovi talenti cinematografici non si vedono perché i registi che hanno talento non hanno la possibilità di fare film. All’estero, forse, ci sono più aiuti pubblici”.

LASCIA UN COMMENTO