Massimo Sangalli inizia da giovanissimo a recitare, anzi si può dire che già a soli 3 anni aveva deciso di diventare un’attore. La prima occasione arriva con un concorso dedicato ai volti nuovi per il cinema. Trasferitosi a Milano inizia a muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo e partecipa a numerosi casting. Recita in un primo film con Pino Quartullo, ma non è solo il cinema o la televisione ad accorgersi di lui. Grand Hotel lo ingaggia per fare fotoromanzi e anche il mondo della pubblicità gli dà spazio come testimonial di diverse marche: da l’Oreal a Dolce & Gabbana, fino ad arrivare a Renault. Sfila anche per Antongiulio Grande e si concede anche a proposte internazionali. Di prossima uscita il suo film con George Lucas dove interpreta il ruolo di Gesù accanto a Laetitia Casta che è la Maddalena.

Massimo Sangalli è Gesù nel film di George Lucas
Massimo Sangalli intervista a Gente Vip

Com’è il tuo Gesù che impronta hai dato al personaggio?

[quote type=”medium” align=”justify”] Sicuramente non riporto il ruolo tradizionale che molti sono abituati a vedere. Non è la stessa immagine iconografica che riporta il Vangelo anche se la storia attinge da esso. E’ un uomo forse più terreno ed attento all’universo femminile, più passionale e romantico. [/quote]

Com’è il rapporto con il personaggio della Maddalena interpretato da Laetitia Casta?

[quote type=”medium” align=”justify”] Un rapporto se pur platonico legato ad un sottile filo rosso, da cui si evince un amore profondo e non solo cristiano verso questa peccatrice. Ma non voglio dire di più per non gustare la sorpresa al pubblico. [/quote]

Dove è stato girato il film?

[quote type=”medium” align=”justify”] In America, Canada e Marocco. [/quote]

Che difficoltà hai incontrato in questo lavoro?

[quote type=”medium” align=”justify”] La lingua, non mastico bene l’inglese e per i dialoghi ho avuto bisogno di un coach per esprimere l’esatta pronuncia e dizione delle parole in inglese. Poi ci sarà un grosso lavoro di doppiaggio e postproduzione. [/quote]

Che differenza c’è tra un set americano ed uno italiano?

[quote type=”medium” align=”justify”] Gli americani sono più stakanovisti, lavorano duro e non esiste la pausa o il dopo lavoro al bar. C’è un rapporto più freddo con i colleghi e non si stringono profonde amicizie con i compagni di lavoro. Sicuramente poi l’America rappresenta il sogno americano e la meritocrazia. In Italia le cose sono un pò diverse. Ci sono le raccomandazioni e forse più familiarità con i colleghi di lavoro. [/quote]

Come sei arrivato a questo ruolo?

[quote type=”medium” align=”justify”] Avevo fatto delle foto per una rivista di moda e sono state notate dagli addetti ai lavori che mi hanno convocato in produzione dicendomi che ero giusto per interpretare questo ruolo. [/quote]

Ora che farai tornerai in America per proseguire la tua carriera li?

[quote type=”medium” align=”justify”] Veramente sono tornato da poco. Ho assistito alla notte degli Oscar che è stata un’esperienza magica ed unica. Una serata in cui incontri tutte le star dello star system americano e che si riuniscono per una sera speciale. Si vedrà dalle proposte che arriveranno. Ma durante la mia carriera ho viaggiato molto e sono abituato a spostarmi da Roma a New York. [/quote]

A proposito di Oscar, un commento sul film di Paolo Sorrentino che ha vinto l’Oscar?

[quote type=”medium” align=”justify”] Credo sia stato premiato il film in generale e Roma, la vera grande bellezza per il resto no comment! [/quote]

Sogno nel cassetto?

[quote type=”medium” align=”justify”] L’ho già realizzato, quello di fare l’attore. [/quote]

Molti attori soprattutto ad hollywood, lavorano anche come produttori, sceneggiatori, registi, tu cosa desideri fare oltre l’attore?

[quote type=”medium” align=”justify”] Il regista, sto già pensando ad un film… magari lavorare ad una storia come quella di Grace Kelly… sai conosco l’autrice di un libro che merita di essere rappresentato (ride… si riferisce al mio libro su Grace Kelly). [/quote]

Tu in qualche modo sei stato baciato dalla fortuna, cosa vuoi dire a chi intende intraprendere questo lavoro?

[quote type=”medium” align=”justify”] Di cambiare strada, a meno che non siano dotati di grande spirito di sacrificio e sopportazione legata ad una sana passione per questo mestiere. [/quote]

Tornando al film, quando esce nelle sale dove sarà l’anteprima mondiale?

[quote type=”medium” align=”justify”] Sicuramente la prima si svolgerà a Los Angeles, i tempi non li so anche perchè il film si è concluso da poco quindi c’è tutta una fase di postproduzione e speriamo non ci sia la censura. Mentre giravamo le scene siamo stati interrotti diverse volte per questo motivo. Ora spero che il film esca al più presto e spero di portavi con me ad Hollywood per l’occasione. [/quote]

Intervista di Emanuela Del Zompo

Credito foto: Gianluigi Barbieri

LASCIA UN COMMENTO