Figlia dell’indimenticabile Nat Kink Cole, altrettanto maestro del mondo jazz, la cantante è morta all’età di 65 anni, dopo anni di battaglia contro abuso di droga. L’artista si è spenta a Los Angeles in seguito ad un’insufficienza cardiaca sorta in seguito a una complicazione dopo un trapianto di rene. Natalie Cole aveva sempre portato avanti la sua professione pur dovendosi spesso scontrare con chi la paragonava sempre al padre Nat, una situazione che non le ha reso facile la propria vita.

Natalie Cole, muore a 65 anni a Los Angeles
Natalie Cole, muore a 65 anni a Los Angeles

Uno degli album più ricordato dai propri fan ed il più venduto nella sua storia musicale è stato “Unforgettable… with love” in cui Natalie Cole interpretava i migliori brani del padre, secondo il proprio timbro musicale. Proprio questo album le permette di vincere numerosi Grammy fra cui “Album dell’anno”, “Disco dell’anno”, “Miglior performance tradizionale pop”. Oltre alla carriera di cantante, Natalie Cole ha proseguito sin dagli anni ottanta una attività sporadica di attrice. La Cole è infatti apparsa in ruoli minori nei telefilm Il tocco di un angelo, Law & Order e Grey’s Anatomy. Nel 2000 ha invece pubblicato il suo libro autobiografico dal titolo Angel on My Shoulder,in cui racconta la propria lotta contro la droga. Non si conoscono ancora le cause e il luogo del decesso, che al momento restano sotto privacy. Il figlio Robert Yancy e le sue sorelle Timolin e Casey Cole ricordano così la madre: “Natalie ha combattuto una fiera e coraggiosa battaglia, morendo così come era vissuta: con dignità, forza e onore. La nostra madre e sorella resterà indimenticabile nei nostri cuori”.

LASCIA UN COMMENTO