Gabriele Muccino è sicuramente riuscito a raggiungere un sogno a cui aspirano tanti registi: il regista romano spacca in due gli ambienti accademici del cinema. Da un lato c’è chi lo ama per la sua capacità di essere riuscito a fare dei film che l’hanno portato nel mondo del cinema americano e dall’altro, chi invece il suo cinema non lo gradisce per nulla definendolo ora commerciale, ora raccapricciante.

Russell Crowe scritturato nel nuovo film americano di Gabriele Muccino
Fathers and Daughters è il nuovo film del regista romano Gabriele Muccino

In ogni caso è innegabile che Gabriele Muccino è riuscito ad arrivare in alto certamente ma in America sta anche collezionando alti e bassi: dopo il successo de “La ricerca della felicità” grazie anche al grande contributo di Will Smith, i successivi “Sette Anime” ancora con Smith e “Quello che so dell’amore” con Gerard Butler, Jessica Biel e Catherine Zeta Jones non sono riusciti a farlo entrare definitivamente nell’olimpo dei registi hollywoodiani di maggior successo. Muccino però non si arrende e decide di tornare sul set puntando su due grandi nomi come Russell Crowe e Amanda Seyfried: si chiamerà “Fathers and Daughters” il nuovo film del regista romano e le riprese inizieranno ad Aprile tra New York e la West Coast, e tra i nomi che potrebbero firmare la colonna sonora potrebbe esserci persino Hans Zimmer. Un progetto che entusiasma la Voltage, la casa indipendente che si occuperà della produzione del film e che in passato ha portato all’oscar il film Heart Locker, e il direttore della fotografia Don Burgess che vanta diversi film al fianco di Robert Zemeckis.
E’ una delle migliori sceneggiature che abbia mai avuto modo di leggere. E’ uno di quei film che negli anni 70’ e 80’ avrebbero potuto produrre studios come la Paramount o la Columbia, film come Midnight Cowboy o Kramer contro Kramer”, ha affermato Muccino che sembra essere ben felice di poter avviare il progetto avendo al suo fianco grandi nomi. Sicuramente a giudicare dal titolo è molto probabile che al centro vi siano questioni familiari, argomento che il regista ha sempre gradito trattare al centro delle sue pellicole.

LASCIA UN COMMENTO