Si chiama “Il Venditore di Medicine” il film di Antonio Morabito, tutto italiano che vedrà protagonista l’attore Claudio Santamaria e sarà in sala dal 30 Aprile 2014. Una bella filmografia alle spalle quella dell’attore romano, che molti ricorderanno tra i protagonisti de “L’ultimo bacio”, film di successo firmato da Gabriele Muccino che vedeva protagonisti Stefano Accorsi e Giovanna Mezzogiorno, in seguito sostituita nel sequel “Baciami Ancora” da Vittoria Puccini. Da lì Santamaria di strada ne ha davvero fatta tanta, ricoprendo un’interessante galleria di ruoli tutti diversi tra loro anche a livello internazionale.

Claudio Santamaria è il corruttore dei medici nel nuovo film di Antonio Morabito

In “Il Venditore di Medicine” Santamaria è nei panni di Bruno, un informatore scientifico che spinto dagli obiettivi della sua azienda farmaceutica corrompe medici e farmacisti. Un gioco di scandali e menzogne che si farà sempre più spietato quando Bruno, per non perdere il posto di lavoro, sarà disposto anche a tradire la fiducia di colleghi e amici con cui c’è un forte legame. Un ritratto freddo e spietato della nostra contemporaneità. Un ruolo che ha coinvolto molto l’attore italiano che non ha esitato ad accettare la parte per l’impegno civile che vi è dietro, e ne spiega infatti le motivazioni che l’hanno spinto a calarsi in questo nuovo personaggio: “ La certezza che fosse buono, importante e si riallacciasse alla gloriosa tradizione del cinema d’impegno civile. Il film accende il dubbio nello spettatore e lo mette in guardia contro il sistema farmaceutico corrotto”, ha dichiarato Santamaria, che si è anche documentato sull’argomento. “Ho letto dei libri-inchiesta e ho parlato ad alcuni ex-informatori: mi hanno raccontato cosa, nel nome del profitto ad ogni costo, sono stati costretti a fare. Durante la lavorazione ne sono stati arrestati una sessantina. Non abbiamo inventato niente”, ha dichiarato l’attore in merito alla preparazione per il ruolo del film di Antonio Morabito. Nel cast anche Isabella Ferrari e Marco Travaglio.

LASCIA UN COMMENTO