Kiran Maccali: Le “provocazioni” del principe contadino infastidiscono Valeria “Sei un animale!”

Kiran Maccali è arrivato al Grande Fratello 12 nelle vesti di un principe indiano in cerca di una moglie italiana.   Non solo è stato subito smascherato, perchè nella realtà fa l’agricoltore e viene dalla provincia di Bergamo, ma si sta anche attirando le antipatie dei suoi compagni d’avventura per il suo comportamento all’interno della Casa di Cinecittà alquanto ruspante.  Mentre i ragazzi sono seduti a tavola per mangiare, il giovane decide di fare uno scherzo alla raffinata Valeria, prima chiamandola e poi emettendo aria dalla bocca verso di lei.


La ragazza si arrabbia moltissimo, si alza da tavola e lui continua a provocarla mangiando del cibo con le mani. Allora lei gli si rivolge infastidita: “Sei proprio un animale e non mi fai ridere”.   Intanto, Filippo cerca di difendere Kiran: “Gli abbiamo detto di non farlo più, ma mi dite chi è che non rutta tra amici?”.   Il principe-contadino cerca comunque di scusarsi, e Valeria sembra perdonarlo, finché, senza farsi sentire da lui, dice: “E’ deficiente…”.  Parole non proprio carine da parte della bolzanina, che prova a spiegare meglio il significato della parola ‘deficiente’, da intendere come ‘mancante di qualcosa’.


Comunque sia, in questi giorni a causa del suo comportamento Kiran si è attirato le antipatie anche di altri ragazzi all’interno della dimora di Cinecittà.   Non solo ha infastidito Gaia, scherzando con coltello e provocando un serio spavento alla ragazza, ma di notte si agita, dorme poco e impedisce agli altri di riposare serenamente.  Il giovane Kiran, con il suo modo di fare forse un po’ troppo rustico, non sembra piacere molto ai suoi compagni e solo uno di loro, il biologo Luca Di Tolla, cerca di difenderlo. Chissà se riuscirà a farlo integrare nel gruppo dei nuovi gieffini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.