Gossip, Stefano De Martino: “Chi tocca un bambino non ha il diritto di stare al mondo”

Gossip news – Stefano De Martino è stato ospite al Maurizio Costanzo Show nel corso della puntata del 15 maggio. In apertura della serata è stato presentato il caso di Fortuna Loffredo, la bambina stuprata e uccisa nel Parco Verde di Caivano a Napoli.

L’argomento, ovviamente, ha scatenato subito un forte dibattito in studio cui il ballerino di Amici ha preso parte. Colpito in prima persona in quanto padre di Santiago e in grado di mettersi nei panni di un genitore, Stefano De Martino ha detto senza mezzi termini: “Chi tocca un bambino non ha il diritto di stare al mondo“.

Gossip, Stefano De Martino: “Cè distanza tra lo Stato e i cittadini”

Stefano De Martino è stato ospite al Maurizio Costanzo Show
Stefano De Martino al Maurizio Costanzo Show

Inizialmente il discorso di Stefano De Martino è partito con toni molto più pacati, illustrando la sua esperienza e la sua sensazione rispetto alle condizioni del Sud Italia e del rapporto con lo stato: “Anch’io vengo da un paese in provincia di Napoli. Ho vissuto a Torre Annunziata prima, poi a Roma, a Milano e adesso sono tornato a Roma. Mi piace ascoltare il pensiero di tutti. Anche al ristorante parlo sia con il cameriere che con il proprietario. Il fattore comune da Nord a Sud è che c’è una divisione profondissima tra lo Stato e la gente, una crepa dettata dalla burocrazia, dalle istituzioni difficilmente raggiungibili. C’è questo alla base di tutto: la distanza tra lo Stato e i cittadini. È un po’ come accade nelle famiglie: se un padre e una madre si fanno la guerra, a rimetterci sarà il figlio. Se tra Stato e istituzioni manca un accordo, a rimetterci saranno i cittadini.

Un ragionamento molto profondo che sicuramente ha coinvolto gran parte del pubblico, specie i telespettatori del Sud che la pensano come lui.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.