Fabio Rovazzi: “La quarantena è stata un incubo, mi ha cambiato…” 

Fabio Rovazzi, la giovane star dei social, dopo aver perso il nonno per coronavirus invita tutti a riflettere di più. Questa crisi “è stata un’occasione per fermarsi a riflettere sulle priorità della vita. Avrei potuto fingere, in studio e sul palco, di essere felice. Purtroppo non sono capace”

Rovazzi perde l’amatissimo nonno

La vena artistica del cantante ha subito una battuta d’arresto: “Il periodo della quarantena è stato un vero incubo personale: mi ha inghiottito nel buio più totale e mi ha sputato fuori cambiandomi”. Il 26enne prova a spiegare come la quarantena sia stata “un’occasione per fermarsi a riflettere sulle priorità della vita. Spesso, sopratutto di questi tempi, non ci rendiamo conto delle cose realmente importanti”.

Fabio Rovazzi non finge, parla col cuore

I suoi tormentoni ci fanno sorridere perché ci trasmettono la sua spensieratezza. E il cantante ci fa capire che questo non è proprio il momento: “Avrei potuto fingere, in studio e sul palco, di essere felice. Purtroppo non sono capace. Le canzoni sono sempre state un prolungamento del mio stato d’animo e se fossi stato costretto a farne una ora sarebbe uscito un pezzo strappalacrime drammatico (che vi evito molto volentieri)”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.