Come spesso accade, purtroppo, le star perdono la rotta del loro percorso e passano dall’essere attrici di film di Disney Channel a pazienti in centri di recupero.

Quella di Amanda Bynes non è una storia molto diversa da questa, specie negli ultimi tempi. L’attrice protagonista di “Una ragazza e il suo sogno” eSidney White”, solo per citare alcune delle pellicole che la vedono nel cast, ha attraversato davvero un periodo buio. Da poco è stata confermata la sua diagnosi di bipolarismo. Questa particolare malattia è stata esposta agli occhi di tutti in un modo a dir poco deprecabile: TMZ ha infatti diffuso in rete un file audio che registra le confessioni di Amanda Bynes e il suo desiderio di uccidere i genitori.

Amanda-Bynes-le-rivelazioni-choc-dellattrice-e1491032002415 Le sconvolgenti dichiarazioni di Amanda Bynes
Amanda Bynes soffre di bipolarismo, ecco le sue recenti dichiarazioni

Se tuo padre fosse mio padre… Allora capiresti il motivo per cui vorrei tagliargli i polsi”  è una delle tante affermazioni della ragazza. O ancora: “Non ho intenzione di fare una cosa del genere, ma allo stesso tempo chiamo mia mamma e le dico che ho intenzione di ucciderla, minaccio di tagliarle i polsi, minaccio di incendiarle casa”.

Si tratta di farneticazioni indotte dallo stato del suo malessere, particolarmente delicato e difficile da affrontare. Diffamarla in rete in questo modo, esponendo così i suoi disagi interiori, evidentemente molto profondi, alle critiche di tutti non è di certo stata una mossa saggia. E’ facile intuire che non sarà semplice per lei digerire l’accaduto. La sua risposta al circolare della notizia è giunta su Twitter ed è stata molto sconfortata e povera: “se non capite sappiate che sono in terapia per parlare dei miei problemi con papà e risolverli”.

Certamente il percorso di Amanda è solo all’inizio ed è chiaro che ci sia moltissima strada da fare perché riconquisti un equilibrio fisico e mentale. Ma non giova neppure alla sua ripresa la diffusione di simili contenuti, che violano la complessità di una simile patologia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here