Ha scatenato l’ira degli animalisti, Caterina Balivo, attraverso una semplice nonché fraintesa foto postata in questi giorni su Facebook. D’altra parte, lo avevamo già capito attraverso la polemica contro le pellicce di Arisa: se ci sono in mezzo gli animali è facile sparare a zero e altrettanto facile alterarsi. Pur appoggiando la difesa degli animali, talvolta basterebbe non perdersi nei qualunquismi e ragionare un attimo. Una sfilza di commenti offensivi hanno costellato la foto di Caterina. Una foto scattata al ristorante e non a casa sua. Una foto che inquadra delle corna di cervo, la cui consistenza è anche dubbia giacché in molti ritengono siano di semplice legno.

Caterina Balivo si sfoga su Facebook: "Un po' di rispetto verso chi ci mette la faccia come me"
Caterina Balivo si sfoga su Facebook, arredo contestato dagli animalisti

Caterina Balivo e gli attacchi ricevuti per le sue foto: “Invito le persone che mi seguono con il cuore a non rispondere a chi attacca”

La polemica è andata oltre sebbene la presentatrice di Detto Fatto abbia subito risposto chiarendo che non si trattava di casa sua. Ormai l’atto era in moto e gli attacchi sono proseguiti sotto una seconda foto, postata ieri. Un’immagine dolce che ritraeva Caterina Balivo, il figlio e il marito Guido Maria Brera. Neanche a dirlo, subito si è scatenato il putiferio intorno ad un presunto “fotografo” pagato per immortalare i loro momenti, intorno all’assenza di un “cane” perché “tanto a te non piacciono gli animali” e quant’altro. Una discussione davvero gratuita, mera polemica atta a scaricare un po’ di veleno sugli altri. A tutto questo trambusto sproporzionato, è seguita la risposta di Caterina, decisamente stizzita dagli eventi:

“Buon pomeriggio!
Oggi in relax ho letto i vostri commenti. Non giudico chi scrive contro ma non accetto le cose non vere.
A casa mia non ci sono corna vere di cervo… La foto pubblicata è stata fatta davanti ad un camino al ristorante dove ho cenato con la mia dolce famiglia.
A casa non vivo con fotografi ma siamo una bellissima famiglia allargata con bambini ormai grandi.
Prima di scrivere cazzate o cattiverie pensate se è il caso. Voi conoscete la mia faccia, io non la vostra… A volte anche i vostri nomi e cognomi sono inventati. Quindi un po’ di rispetto verso chi ci mette la faccia come me.
Invito tutte le persone che mi seguono con il cuore di non rispondere a chi attacca.
Da sempre è mia la filosofia che ” la non curanza è il miglior disprezzo “. Per un attimo però l’ho dovuta mettere da parte per chiarire queste due cose.
Ora vi lascio vado a farmi tante foto!
” 

Una questione amplificata ma davvero sciocca alla base di tutto. Probabilmente l’amore per la polemica è intramontabile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here