La prima serata del Festival di Sanremo, nonostante tutte le polemiche legate alla presenza di Adriano Celentano e a dispetto della serie di sfortune relative alle presenze femminili sul palco dell’Ariston, ha avuto comunque il suo trionfatore.  Non stiamo parlando del “presentatore” ufficiale della kermesse canora, Gianni Morandi, che ha comunque confermato la bravura e la capacità dello scorso anno, ma della sua “spalla”: il bravissimo Rocco Papaleo.


L’entrata in scena dell’attore lucano è stata davvero esilarante, si è infatti presentato indossando un loden e portando sotto al braccio una cartelletta in pelle tipo esattore delle tasse, coerentemente, ha affermato lui, con il periodo di austerity che il paese sta vivendo e con la natura “tecnica” dell’attuale governo. Da sottolineare, inoltre, che l’intervento di Papaleo, è stato l’unico davvero divertente durante l’invasione di Celentano e ha, perlomeno, bilanciato l’assai meno pregevole performance, in quel contesto, di Morandi e Pupo. Sempre Rocco, poi, è stato l’unico che ha saputo stemperare la tensione quando è stato necessario annunciare in diretta che il sistema di voto era andato in tilt e che, dunque, non ci sarebbero stati eliminati.

Di sicuro gli amanti del cinema italiano, però, non si saranno sorpresi da questo grande successo. Papaleo, infatti, è un brillante attore e preparato regista; ha ad esempio affiancato, in numerose pellicole, il toscanaccio Leonardo Pieraccioni (come non dimenticare, tra gli altri personaggi, il professore di matematica di “Ti amo in tutte le lingue del mondo”) ed è stato regista di una delle migliori commedie all’italiana degli ultimi anni, “Basilicata cost coast”. Non ci resta altro da fare, ora, che goderci la sua presenza nelle restanti serate del festival.

LASCIA UN COMMENTO