Divenuto ormai salotto culturale e d’intrattenimento intelligente della televisione italiana, anche in una nuova veste più serale, “Che Tempo che fa” condotto da Fabio Fazio il 22 dicembre 2013 ha ospitato i Negramaro. La band salentina su invito dell’amico conduttore ha firmato un sentito omaggio a Lucio Dalla esibendosi in “L’anno che verrà” e “Futura”. Un momento musicale per non solo ricordare un grande artista, ma anche lasciare al pubblico un augurio sincero, musicale e inedito. Ad accompagnarli gli Gnu Quartet, creando un’atmosfera quasi sospesa e delicatissima. A cantare un emozionatissimo Giuliano in tenuta elegante ma sempre con un tocco casual, che come ci ha sempre abituato ha personalizzato con la sua voce unica i due pezzi scelti.

Negramaro ospiti Che tempo che fa puntata 22 dicembre 2013
Negramaro, la band omaggia Lucio Dalla a Che tempo che fa

La performance però non è riuscita totalmente a mettere d’accordo tutti a cominciare dalla scelta dei brani: secondo alcuni si sarebbe trattato di una scelta un po’ banale e prevedibile, anche se in ogni caso si tratterebbe di due brani molto popolari del cantante bolognese. Ma a far discutere ancora di più sono state proprio le due performance da un punto di vista stilistico, perché se il pubblico ha applaudito e Fazio e Negramaro si sono emozionati, non tutti i musicisti hanno apprezzato: chi lo ha definito “strazio”, chi “strapazzamento” mentre Dolcenera e Vincenzo Mollica sono rimasti decisamente a bocca aperta dall’incanto.
Certo qualche abuso di voce da Giuliano soprattutto nella performance di Futura non si può negare mentre molto più pulita e piacevole è stata quella de L’anno che verrà, ma non si può negare però la capacità di essere riusciti efficacemente a dare una propria impronta personale ai brani, rendendo l’omaggio memorabile e non l’ennesima cover da conservare nel dimenticatoio.

LASCIA UN COMMENTO