La notizia è clamorosa. Era già nell’aria ma ora c’è la conferma. Per Giovanni Floris e la Rai è arrivato il divorzio. Dopo tanti anni si è giunti alla fine di questo matrimonio televisivo. Il conduttore di “Ballarò” andrà ora a La7. Durante la presentazione dei palinsesti avvenuta qualche giorno fa, il direttore di Rai3, Andrea Vianello,aveva detto che per il caso Floris si stava cercando una soluzione, soluzione che evidentemente non è stata trovata. Già qualche mese fa circolavano voci che volevano il conduttore lontano da Rai3. Si diceva che chiedesse più spazio per il suo talk politico molto seguito dal pubblico. E se da un lato la tv di Stato sarebbe stata pronta ad accontentarlo venendo incontro alle richieste del giornalista sul piano editoriale, allungando il programma fino alla mezzanotte e garantendogli una fascia quotidiana sullo stesso canale, dall’altro non era disposta ad accettarne le richieste economiche. Ecco svelato il motivo della rottura.

Dopo 10 anni di Ballarò Giovanni Floris dice addio alla Rai
Dopo 10 anni di Ballarò Giovanni Floris dice addio alla Rai

Dopo dodici anni di conduzione di Ballarò e dopo una proficua esperienza quasi ventennale in Azienda, Giovanni Floris lascia la Rai. – ufficializza la Rai attraverso un comunicato – La Rai, nel ringraziarlo per il lavoro svolto, gli porge i migliori auguri per il suo futuro professionale“. Futuro professionale che di certo continuerà per l’ormai ex volto di Rai3. Sbarcherà infatti su La7 a sorpresa, sebbene non sia stato ancora reso noto quale sarà il nuovo impegno del conduttore. Indiscrezioni parlano di un contratto di 4 milioni di euro per tre anni pronti per lui sulla tv di Urbano Cairo, contro l’1,8 proposto da Viale Mazzini. Così Rai3 perde un altro pezzo importantissimo. Dopo l’addio di Licia Colò al “Kilimangiaro”, ecco arrivare i saluti anche di Giovanni Floris. A dispetto dei rumors che parlavano di un accordo raggiunto tra le parti, il giornalista abbandona la Rai. Sgomento e stupore prevalgono all’indomani della notizia nei corridoi di Viale Mazzini. Una “perdita molto grave” la definisce Michele Anzaldi, deputato del Pd e segretario della commissione di Vigilanza Rai. Floris dunque volta pagina. Una nuova esperienza sta per iniziare ma ci ha tenuto a ringraziare comunque l’azienda pubblica: “Gli devo tutto, ma rimettersi in gioco è salutare e giusto“. Nel frattempo via al totonomi sul prossimo conduttore di “Ballarò”. In pole position c’è Gerardo Greco di “Agorà”, voi chi preferireste?

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO