Quello che è accaduto domenica sera 26/02/2012 al Chiambretti Sunday Show vi dimostra quello che si arriva a fare pur di risollevare una trasmissione televisiva. Il simpaticissimo Piero Chiambretti ha ospitato le Femen. Di chi si tratta?  Tre ragazze ucraine che hanno guadagnato le copertine dei giornali di cronaca per aver fatto irruzione, alle sfilate WFM di Milano. Sono riuscite ad intrufolarsi fin sopra le passerelle mostrandosi come mamma le ha fatte. Il loro motto? Fashion Fascism.

La loro è una battaglia contro la moda e contro il mondo del malaffare e di malessere che si nasconde dietro alle luci della passerella. In studio da Chiambretti le tre donne hanno ripetuto la loro performance. Come dire: tette al vento e grida di protesta contro le telecamere, nella speranza che il loro messaggio arrivi forte e chiaro a chi di dovere.

 

“Noi siamo contro l’industria della moda perché oggi le grandi marche guadagnano sulle giovani ragazze facendole diventare vittime della moda. L’80% di quelle ragazze che voglio diventare modelle diventano vittime della moda. Le donne non sono merce, non sono schiave. La bellezza salverà il mondo. Ma la bellezza deve manifestare contro questo genere di cose. Noi amiamo gli uomini che ci amano così come siamo, che non rilegano in cucina e che ci supportano nelle nostre battaglie”.

Dopo lo show, spazio anche ad un’intervista. Ospite in studio anche Selvaggia Lucarelli; ma mentre la giornalista era impegnata in un attacco frontale nei confronti della rivisitazione attuale di Giovanna D’Arco (le Femen), succede qualcosa di davvero inaspettato. Irrompe in studio la Guardia di Finanza che arresta e trascina fuori dallo studio le tre attiviste, accusate di aver interrotto la sfilata di questa mattina. Tra il caos e l’agitazione del pubblico, Chiambretti manda la pubblicità. Più tardi vengono inquadrate le Femen dietro le quinte e comunicato al pubblico da casa che l’irruzione delle forze dell’ordine era solo uno scherzo del conduttore Pierino. Forse non sarà riuscito a fermare le Femen nel loro spogliarello sociale ma ha fatto passare loro un brutto quarto d’ora!

LASCIA UN COMMENTO