The Plastic Religion mostra – Da sempre l’arte nasce come mezzo di comunicazione e di provocazione, un compito di cui oggi con l’industria e la mercificazione dell’arte si sta spesso anche abusando. L’ultima trovata per portare sotto i riflettori gli artisti e il loro paese natale viene dall’Argentina: nasce infatti “The Plastic Religion”, una mostra che ripropone le bambole Mattel Barbie e Ken nelle vesti di noti personaggi sacri, come la Madonna, Gesù Cristo e Buddha. Tutti confezionati in scatole ed esposti dall’11 Ottobre alla Popa Gallery di Buenos Aires, firmati da Pool & Marianela che hanno immediatamente suscitato l’attenzione dei media internazionali e le prevedibili ire e polemiche di associazioni religiose. In realtà è proprio verso queste ultime che va letta la provocazione dei due artisti di Rosario, che presentano le attuali condizioni dell’immagine sacra, massacrata, svenduta e offerta a buon mercato.

The plastic Religion, Barbie e Ken diventano immagini sacre
The plastic Religion, Barbie e Ken diventano immagini sacre

La mostra The Plastic Religion in realtà non ha nulla di molto nuovo: si unisce infatti ad un filone artistico d’avanguardia iniziato nel 1987 con Andreas Serrano e il suo Cristo di piscio, continuata nel 2003 con i Gesù e le Madonne diventati giocattoli ad opera del Dr. Morabito, che aveva reso le sue Barbie-icone sacre protagoniste di una sua mostra presentata a Los Angeles. Arte e merce tornano quindi ad essere al centro del dibattito dell’arte contemporanea, suscitando inevitabili riflessioni sulle attuali condizioni in cui versa l’intera arte.

La mostra di Pool & Marianela cerca di coinvolgere tutte le immagini e i personaggi dei maggiori culti internazionali in 33 figure tra cui però il grande assente è Maometto, una scelta a cui i due artisti sono stati costretti dati anche i periodi pericolosi in cui viviamo e che avrebbero certamente generato fuoco da parte della comunità islamiche. I due quindi si sono limitati ad una dura protesta verso le comunità cattoliche argentine.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO