Serie A: è ricominciato il campionato di calcio e le sorprese nella prima giornata sono state tante, molte delle squadre più attese hanno deluso e altre invece hanno fatto meglio del previsto. Sabato pomeriggio ad aprire la stagione 2015/2016 è stata la Roma in casa dell’Hellas Verona, il match è finito 1-1. La squadra di Mandorlini è stata brava a fermare i giallorossi, inizialmente andati in svantaggio con il gol di Jankovic (61’) poi raggiunto dalla rete di Florenzi (66’).

Serie A 2015, la Roma pareggia, la Lazio vince in casa e la Juve perde

Serie A 2015 , Ricomincia il campionato, Sampdoria Show, partono male Juve, Roma e MilanSerie A A emergere i due portieri Szczesny per la Roma e Rafael per l’Hellas che da entrambe le parti hanno protetto il risultato parando anche occasioni molto difficili. Per i capitolini si è trattato comunque di un primo passo falso. La sera è scesa in campo la Lazio all’Olimpico contro il Bologna, nelle due squadre i tecnici erano ex: dei biancocelesti, Delio Rossi, e dei rossoblù Stefano Pioli. Vince la Lazio con i gol di Biglia, che al 17esimo piega il portiere avversario e dopo è costretto a uscire per infortunio, e Kishna (23’), nonostante la rete bolognese di Mancosu (43’). Le sorprese non finiscono perché domenica pomeriggio allo Juventus Stadium i campioni d’Italia cadono contro l’Udinese di Colantuono per 1-0. I bianconeri perdono per il gol di Thereau al 78esimo, avendo avuto difficoltà a giocare con scioltezza di fronte agli avversari attenti in difesa.

Vittoria di Inter, Fiorentina e Sampdoria e non solo

La sconfitta dei ragazzi di Allegri crea una situazione particolare, soprattutto con le partite disputate la domenica sera, a partire dalla vittoria di Sampdoria e Fiorentina e quella del Sassuolo contro il Napoli. I blucerchiati al momento sono primi in classifica merito della cinquina rifilata al Carpi neo promosso. Finisce 5-2 per i liguri che partono benissimo con le doppiette di Eder (14′ e 33′) e Muriel (21′ e 31′) e infine la rete di Fernando (36′), dall’altra parte vanno in gol Lazzari e Matos (38′ e 88′).

La Fiorentina invece vince 2-0 con il Milan che stecca la prima giornata. I rossoneri pagano soprattutto gli errori dei due difensori: al minuto 36 Ely lascia i compagni in dieci per somma di cartellini e dalla successiva punizione i ragazzi di Sousa vanno in vantaggio con Marcos Alonso (38′). Nel secondo tempo Ilicic si procura il calcio di rigore e realizza il raddoppio della Fiorentina (56′).

Come il Milan parte male anche il Napoli, il debutto di Sarri non è dei migliori nonostante il vantaggio conquistato al terzo minuto con Hamsik. Il gol dello slovacco non basta perché al 33esimo Floro Flores pareggia e Sansone all’84esimo porta avanti i neroverdi.

Vincono anche Inter, Chievo e Palermo: i nerazzurri allo scadere dei minuti conquistano i tre punti contro l’Atalanta rimasta in dieci nel corso del secondo tempo per l’espulsione di Carmona. A segnare il gol decisivo per la vittoria il nuovo acquisto interista Stevan Jovetic.

Il Chievo ha battuto l’Empoli 3-1 in trasferta, prima è stata la squadra toscana a passare avanti dopo sette minuti dal fischio d’inizio con un tiro di Saponara. Il secondo tempo cambia totalmente e i veronesi cancellano lo svantaggio al 55esimo con Meggiorini. La squadra di Maran non si ferma e Birsa regala il 2-1 al 59esimo poi Paloschi completa l’opera quattro minuti dopo per il definitivo 3-1. Il Frosinone all’esordio perde con il Torino 2-1, reti di Soddimo (6′), Quagliarella (59′) e Baselli (64′). Infine il Palermo supera per 1-0 il Genoa con il gol di El Kaoutari al 91′, anche se i liguri in casa dei rosanero fino al primo tempo non hanno fatto male, avendo occasione di segnare soprattutto con Pandev. Poi le parti si sono invertite ed è stato il portiere del Genoa a rischiare il gol che alla fine arriva allo scadere del match.

La classifica: Sampdoria, Chievo, Fiorentina, Lazio, Sassuolo, Torino, Inter, Palermo e Udinese a tre punti, Roma e Hellas Verona a 1 punto; Verona, Bologna, Frosinone, Napoli, Atalanta, Genoa, Juventus, Empoli, Milan, Carpi a zero punti.

LASCIA UN COMMENTO