Adesso è ufficiale Sebastian Vettel dal 2015 sarà un pilota Ferrari, a rendere pubblica la notizia del passaggio alla Rossa è stato proprio il tedesco. Il campione di Formula 1 ha commentato la sua decisione proprio durante la conferenza stampa della FIA organizzata alla vigilia dell’ultimo Gran Premio del Mondiale 2014 ad Abu Dhabi. Vettel ha esordito felice spiegando la gioia di poter realizzare un sogno: “La mia non è stata una decisione semplice. Ho corso tutta la vita con la Red Bull, dal Junior Team alla Red Bull Racing e non pensavo di raggiungere certi successo, ma a un certo punto senti di dover intraprendere una nuova sfida, qualcosa di diverso”.

Ferrari, addio Alonso, arriva Sebastian Vettel
Ferrari, addio Alonso, arriva Sebastian Vettel

Lo sportivo ha continuato sostenendo di essere molto emozionato e motivato, perché questa nuova pagina della sua carriera deve tradursi in altri numerosi successi. L’orgoglio di guidare la macchina del cavallino rampante ha radici profonde, soprattutto grazie alla passione per un altro pilota della Germania che ha reso grande la Ferrari. “Voglio mettere tutto il mio cuore e le mie capacità per cercare di raggiungere il successo con la Ferrari. Quando ero un ragazzino, Michael Schumacher sulla Rossa era il mio più grande idolo e adesso per me è un enorme onore avere la possibilità di guidare una Ferrari. Ho già avuto un piccolo assaggio di quello che è lo spirito Ferrari quando ho conquistato la prima vittoria a Monza nel 2008, con un motore della Casa del Cavallino Rampante. La scuderia ha una grande tradizione in questo sport e sono estremamente motivato ad aiutare la squadra a tornare al vertice. Darò il cuore e l’anima per far sì che questo accada”.

Sebastian Vettel arriva alla Rossa e Fernando Alonso va via dopo cinque anni vissuti con la scuderia italiana, una parentesi quella del 33enne spagnolo fatta di tante difficoltà e poche soddisfazioni, ecco, quindi, i ringraziamenti del suo ex gruppo in una nota: “Fernando Alonso lascerà la squadra alla conclusione di questo campionato, al termine di un quinquennio che ad oggi lo ha visto conquistare 1186 punti, 44 podi e 11 vittorie. La Scuderia Ferrari ha poi ringraziato Alonso per il suo grande contributo, sia sotto il profilo umano che professionale”. Lo sportivo iberico, al contrario, voltata pagina ripartirà dalla McLaren, anche se proprio qualche giorno fa la casa automobilistica di Woking ha invitato i suoi tifosi con un tweet ad avere pazienza. Si proprio così, l’ufficialità dell’accordo con il pilota di Oviedo dovrà aspettare, prima la squadra dovrà pensare all’ultima gara, poi a dicembre si renderà noto l’arrivo in McLaren dell’ex ferrarista. E nel frattempo i dirigenti della scuderia britannica decideranno quale uomo affiancare al pilota asturiano tra Jenson Button e Kevin Magnussen; anche se l’iberico avrebbe avrebbe fatto sapere di preferire il primo, visto che Alonso avrebbe iniziato a fare mercato invitando innanzitutto il suo ingegnere di pista alla Ferrari, Andrea Stella, a lavorare insieme.
Marco Mattiacci Team principal della Rossa, nel frattempo, ha espresso il pensiero del gruppo italiano di Formula 1 nell’aver ingaggiato Vettel; spiegando che hanno fatto la scelta di dare fiducia al giovane pilota pluricampione del mondo in tutta la storia dell’automobilismo, facendogli firmare un contratto triennale. La decisione di chiamare il giovane 27enne di Heppenheim è dipesa dalla necessità di cambiare e iniziare un nuovo capitolo e l’ex uomo Red Bull a suo dire porterà gioventù ed esperienza; oltre allo spirito di squadra perché insieme all’altro uomo Ferrari, Kimi Raikkonen, l’obiettivo della casa di Maranello è di tornare ad alti livelli e competere per il mondiale piloti e quello costruttori.

LASCIA UN COMMENTO