Prince eredità, lotta sulla divisione del patrimonio della star. Il noto cantautore Prince, morto a 57 anni il 21 aprile nella sua abitazione, lascia un’eredità degna di un sultano.

A causare il decesso di Prince, in base alle notizie che gli inquirenti hanno fornito ai media e di conseguenza al pubblico, sarebbe stato un cocktail letale di farmaci. Tuttavia gli inquirenti, in tutta riservatezza, ancora stanno investigando, in quanto il quadro generale dell’accaduto ancora non è chiaro. Prince, nel frattempo, lascia un’eredità da capogiro: molte canzoni inedite, troppi milioni di dollari e proprietà immobiliari di inestimabile valore, che fanno gola a tutti i possibili ereditieri.

Prince eredità
Prince

Così, la sorella Tyka, quella “vera”, essendo entrambi figli degli stessi genitori, gioca subito la sua carta e chiede al tribunale del Minnesota di essere nominata amministratore speciale dei beni dell’appena defunto fratello, ma il giudice, nomina una banca – la Bremer Trust – come amministratore e pare che abbia già preso una decisione: l’eredità sarà divisa con le sorellastre e fratellastri del compianto cantante: John, Norrine, Sharon, Alfred and Omarr.

Si tratterebbe di 150 milioni di dollari da dividere, senza contare che il geniale musicista Prince, tanto geniale in quanto a musica, tanto disastroso in quanto a finanze, non si fidava di nessuno e non riusciva a badare a spese, dilaniando molto del suo patrimonio, affidava i conti a belle ventenni e disdegnava le apparizioni in pubblico. Nel frattempo, prevedibilmente, a pochi giorni dalla sua morte, in America, i suoi dischi sono tornati ad essere primi in classifica. Al di là di tutte queste controversie, il mondo ha perduto l’ultima grande stella, appunto Prince che lo vedeva inserito in un “trio nobile” per la musica: “il principe” appunto Prince, il “re” ovvero The King Michael Jacson e la regina ovvero i Queen il gruppo musicale britannico più famoso al mondo.

LASCIA UN COMMENTO