Da segnalare un poker davvero favoloso: Benedetta Bruzziches, Giancarlo Petriglia, Maria Francesca Pepe e Nicolò Beretta, quattro giovanissimi designer con fatturati da capogiro che portano con orgoglio la moda italiana nel mondo. Iniziamo con Benedetta Bruzziches energia contagiosa e fantasia senza limiti: tra le sue creazioni più famose la borsa libro, la clutch Mirror e l’ecclettica Carmen. Giovane imprenditrice di Caprarola  diventata una prima firma all’estero (400.000 euro di fatturato e 3 milioni di pezzi prodotti): il  90% delle sue borse sono a Dubai, Cina, India, Malesia.

Benedetta Bruzziches borse
Benedetta Bruzziches borse

Di origini umili la sua storia vuole essere di stimolo a tanti giovani come lei: era ottobre del 2008, si trovava a Bologna alla fiera Lineapelle quando entrò in ascensore Vimal, un imprenditore indiano, leader nella produzione per gli intrecci in pelle: decise di seguirlo e a dicembre era a Dubai, poi Chennai, Hong Kong, San Paolo, poi India. Benedetta Bruzziches ha 27 anni ed è arrivata alla sua settima collezione di borse. Le sogna, le disegna, ne sceglie i materiali, le produce e infine le vende ai negozi più glamour del mondo: da New York a Parigi, passando per la Corea e il Giappone. E poi: Dieci Corso Como, a Milano, e Penelope, a Brescia, giusto per citare i più trendy in Italia.

Giancarlo Petriglia borse
Giancarlo Petriglia borse

Giancarlo Petriglia, classe 1973, il suo stile è nuovo, ironico, elegante e moderno. Nasce a Milano  e compie i suoi studi presso l’Accademia di Brera, e da qui, passa immediatamente a lavorare all’interno di un importante ufficio stile del settore Moda: Trussardi. Decide nel Settembre del 2011 di metter mano alla propria linea di borse, firmandola con il suo nome. La collezione S/S 2012 riscontra subito il favore del mercato di riferimento, soprattutto grazie alla sua marcata identità di Made in Italy, data dalla lavorazione artigianale dei pellami curata da esperti manifatturieri del settore, dando al designer la forza necessaria per proseguire il suo cammino. Determinato ed innamorato della bellezza tout court, Giancarlo ha come obiettivo futuro lo sviluppo anche della linea uomo e donna, sempre sotto l’egida del marchio Giancarlo Petriglia.

Maria Francesca Pepe gioielli
Maria Francesca Pepe gioielli

Maria Francesca Pepe, poco più che trentenne e adorata dai fashionisti, rappresenta l’avanguardia inglese che incontra il Made in Italy. I gioielli di questa pugliese di base a Londra sono la perfetta sintesi di romanticismo e spleen, suggestioni tribali e post moderne. laureata in lettere moderne ed in fashion design al Marangoni, e in Womenswear al Central St Martins di Londra ed una lunga gavetta in cui ha imparato molto. I suoi gioielli sono indossati da star come Kate Moss e si possono trovare in vendita a LuisaViaRoma e 10Corso Como.

Nicolò Beretta, vero enfant prodige del footwear, milanese di nascita e appena 18enne ha passato gli ultimi 4 passati a Sidney, per un trasferimento di lavoro del padre, l’incontro a Londra  con Manolo Blahnik, che considera il suo maestro, è stato determinante. Davvero molto piccolo, ha cominciato a disegnare scarpe preziose che oggi produce con il nome “Giannico”.  A febbraio è stato  uno dei giovani talenti di «The Vogue Talents Corner», l’evento a Palazzo Morando organizzato da Vogue Italia e il sito di e-commerce The Corner: un importante traguardo italiano prima di tornare all’estero, stavolta a Londra, alla Saint Martin School. Tra i pezzi che hanno attirato l’attenzione della stampa (e di celebrities come Bailee Madison) c’è «Oh my dear», pantofola con cervo-scultura, e «Swan in Venice», decolleté ricoperta di piume di gallo.

Nicolò Beretta calzature
Nicolò Beretta calzaturebenedetta

LASCIA UN COMMENTO