Marc Marquez è un fiume in piena, infatti, non a caso anche con la pioggia nessuno riesce a fermare il pilota spagnolo. Ottava gara del Motomondiale, e una vittoria per il campione della Honda, che nel circuito di Assen (Olanda) ha ancora portato a casa il primo posto. Sia con la pioggia, che sull’asciutto l’iberico è sempre il più forte, anche se stavolta ha avuto qualche timore: “Era difficile perché non avevamo mai fatto una gara sotto la pioggia; sul bagnato in qualifica era andata bene e dopo il cambio degli slick ho un po’ faticato, ma poi ho chiuso nel migliore dei modi”.

Marc Marquez, ottava vittoria ad Assen
Marc Marquez, ottava vittoria ad Assen

Il campione del mondo in carica aveva dovuto cedere la pole ad Aleix Espargaro della Yamaha, poi sin da subito ha condotto e gestito la gara: intorno al sesto-settimo giro tutti hanno cambiato le gomme togliendo quelle da bagnato. “Ero abbastanza nervoso prima della gara perché con questa situazione di pista non si sa mai”, ha commentato Marquez a fine gara.
Lo spagnolo della Honda, maltempo a parte (un problema che alla fine lo ha impensierito soltanto nelle prime fasi del gran premio), ha dovuto tenere la pressione dei piloti alle sue spalle; il secondo posto è stato occupato dal ducatista Andrea Dovizioso e il terzo scalino del podio l’ha ottenuto Dani Pedrosa.
La Spagna può sorridere per i due uomini Honda e soffrire, invece, per Jorge Lorenzo che non riesce a fare meglio del tredicesimo posto. Ennesima vittoria consecutiva, ma ancora Marquez non finisce di stupire, chi è sempre più colpito: è Valentino Rossi (arrivato al quinto posto).
Il campione di Tavullia ha rischiato parecchio durante la gara in Olanda e ha commentato anche l’ulteriore successo del ventunenne di Cervera: “Marquez è stato veramente bravo, probabilmente le vuole vincere tutte, però toccherà a noi impedirglielo”.
Il quarantesimo trionfo in carriera del fuoriclasse iberico, gli permette così di poter ipotecare il secondo titolo iridato, avendo a oggi, con otto gare vinte: duecento punti e un distacco di ben settantadue dal secondo in classifica e cioè Valentino Rossi.

LASCIA UN COMMENTO