La collezione uomo autunno/inverno 2011/2012 di Gucci ha sfilato durante il prestigioso evento meneghino dedicato alla moda maschile, Milano Moda Uomo. Frida Giannini, direttore creativo della maison, ha fatto sfilare in occasione dei novant’anni dalla fondazione della griffe un uomo che potremmo definire “New Dandy“. Tanti completi che rivisitano in modo innovativo e creativo lo stile anni ‘70, per puntare sulla tradizione con l’aiuto della contemporaneità. Vi mostriamo alcune delle immagini più interessanti dalla sfilata.

La sua nuova collezione maschile per il prossimo autunno è ricca di completi maschili che cercano di ottenere due risultati abbastanza diversi fra loro. Innanzi tutto Frida Giannini ha deciso di vestire la formalità degli uomini che non vogliono cambiare il loro stile; il secondo scopo è, invece, rendere più sensuale e moderna l’inossidabile trittico giacca, pantaloni e cravatta.
Ed in effetti, scorrendo le immagini che vi abbiamo proposto, vedrete emerger questi due spiriti che coesistono perfettamente all’interno della collezione. L’anima più formale emerge dalle giacche dal taglio sartoriale, con impunture ton sur ton, spalle sottolineate da una lavorazione con inserimento di un rullino e revers importanti. Il secondo spirito, invece, è caratterizzato da pantaloni che si sviluppano aderenti sulle cosce e leggermente a zampa, abbinati con l’immancabile mocassino di pelle.




Davvero interessanti gli accessori mostrati durante la sfilata. Debutto in grande stile della Bamboo bag in versione maschile, dal manico annerito, proposta in una maxi versione che la rende perfetta per il viaggio, nella cui base si cela il porta-camicie. Le G.G. dorate, iniziali dello storico fondatore del marchio Guccio Gucci, impresse nelle bag, suggeriscono che anche questa griffe ha deciso di proporre ai suoi clienti un nuovo e esclusivo servizio di personalizzazione della borsa con le proprie iniziali (che però, dovrebbe essere disponibile solo nelle boutique Gucci). Davvero interessante anche la lavorazione delle pelli, come quelle del cinghiale e del bufalo, per conferire un aspetto vissuto all’accessorio.


LASCIA UN COMMENTO