La donna più bella e attraente del 2014 è una Venere Nera. No, non stiamo parlando questa volta di Naomi Campbell, ma di una stella emergente. Lei è Lupita Nyong’o, vincitrice del premio Oscar come migliore attrice non protagonista nel film “12 Anni Schiavo“. Come i bene informati sapranno, Lupita, nata in Messico ma cresciuta in Kenya, ha incantato tutti con il suo look da principessa durante la notte degli Oscar. Da lì il suo fascino è esploso, tanto che i più grandi brand di moda e beauty se la stanno contendendo. Al momento è testimonial di Prada e di Lancome e chissà di quanti altri marchi in futuro, visto che le sue quotazioni saliranno sicuramente dopo questo primo posto.

Lupita prima in classifica delle 50 donne più belle al mondo

A decretare Lupita la donna più bella del 2014 è il famoso magazine americano People, che da sempre stila la classifica delle donne e degli uomini più affascinanti al mondo. L’anno scorso arrivò in vetta l’attrice Gwyneth Paltrow. Lupita Nyong’o ha così reagito a questa vittoria, giunta in un momento molto fortunato: “Sono davvero emozionata ed è un grande complimento. Non solo per me, ma per tutte le ragazze che vorrebbero essere al mio posto e che da oggi lo possono sentire più vicino”. L’attrice kenyota non si è mai sentita troppo bella nel corso della sua esistenza. Per lei il complimento più gradito è “quando mi dicono bella prima di pettinare i capelli, prima di indossare un vestito carino e senza trucco. La felicità è la cosa più importante”.
Lupita Nyong’o ha trionfato su ben 50 donne, tra attrici, cantanti e starlette, entrate nella speciale classifica di People. Al secondo posto si è piazzata Keri Russell, bionda attrice conosciuta in Italia soprattutto per la serie tv Felicity, mentre solo quinta e sesta sono arrivate rispettivamente la cantante Pink e Amber Heard, fresca fidanzata di Jhonny Depp. Lupita ha anche dichiarato che considerava la bellezza come ciò che vedeva in tv, ossia “ragazze con la pelle chiara e lunghi capelli lisci”. Per fortuna i tempi sono cambiati e un po’ di merito va anche a Lupita Nyong’o.

LASCIA UN COMMENTO