La caccia dei brand ai testimonial adatti è sempre aperta, ma quando si tratta di iniziative umanitarie e benefiche importanti è ancora più fondamentale avere i giusti rappresentati. Questo dà modo ai progetti di raggiungere un pubblico più vasto ed attirare più attenzione su una giusta causa. Per questo ADMO, ovvero l’Associazione Donatori Midollo Osseo, ha cercato di dare un volto efficace alle sue nuove campagne. Lo fa puntata su due azzurri della squadra di Pallavolo DHL Modena, avvicinandosi quindi ad un ambito sportivo molto amato e seguito. I due nuovi testimonial sono Luca Vettori e Matteo Piano, che sponsorizzano i panettoni per la raccolta fondi di questo Natale.

ADMO
Luca Vettori e Matteo Piano

La squadra DHL Modena collabora con ADMO

I due atleti sono protagonisti di uno scatto realizzato al palasport di Modena. Si tratta di una delle immagini fondamentali della campagna “Un panettone per la vita”. I due giovani ragazzi sono ovviamente più che lieti di rappresentare questa buona causa oltre che il loro amato sport in ogni occasione possibile. Per loro la stagione sportiva sta proseguendo molto bene, con l’ultima vittoria riportata Novi Sad per 3 a 0. Celebrati e osannati sulla pagina Facebook, gli atleti avranno sicuramente un vasto pubblico di fan e followers cui rivolgersi per sponsorizzare gli intenti positivi della ADMO.

Luca Vettori e Matteo Piano volti della campagna “Un panettone per la vita”

Lo stand dell’associazione in questione era presente proprio durante la suddetta partita della gara di Champions. Mentre la DHL Modena continua ad essere in testa al girone, quindi, anche la ADMO fa del suo meglio. Il ricavato delle sue vendite ovviamente sarà devoluto per interno ad una causa onorevole: quella di comperare 2000 kit salivari. Questi servono a prelevare dati genetici fondamentali per diventare donatore. La sensibilizzazione sull’argomento è fondamentale e anche la possibilità di avvalersi degli strumenti adeguati può fare la differenza. Per una persona in attesa di trapianto ogni secondo che passa è importante ed è bene imparare a dare il giusto peso a questioni come questa. Meglio ancora se questa spinta parte da volti giovani che hanno presa su altri giovani come loro e che può estendersi ad un’utenza vasta.

LASCIA UN COMMENTO