Juventus – Oggi sono state presentate le nuove divise che la Juventus indosserà nel corso del prossimo anno. L’Adidas ha diffuso i completi che i giocatori metteranno in casa e in trasferta. La Juventus da quest’anno, quindi, vestirà Adidas, dopo aver stretto con il marchio sportivo una collaborazione di sei anni. Perciò dal 2015 fino al 2021 i bianconeri porteranno il logo dell’azienda tedesca e non più la Nike.

juventus adidas
Claudio Marchisio, Alvaro Morata, Paul Pogba e Kingsley Coman vestono Adidas

Juventus: accordo tra il club bianconero e l’Adidas per 6 anni

Per la prima volta la Juventus vestirà le tre strisce. Siamo orgogliosi della partnership raggiunta con la squadra Campione d’Italia e al contempo lieti di svelare a tutti gli appassionati prima e seconda divisa per la stagione 2015/2016″, ha dichiarato Andreas Gellner amministratore delegato Adidas South Europe secondo quanto riporta il sito ufficiale juventino.
Inizia quindi l’era con il nuovo marchio e con alcuni cambiamenti sulle maglie. La divisa “home” quella che verrà indossata soprattutto durante le gare casalinghe, riproduce le classiche strisce bianche e nere, che stavolta diventano più strette. La maglia resta fedele alla tradizione, ma con qualche modifica rispetto al passato: le linee non sono ben demarcate ma s’intersecano tra di loro, e nella parte bassa della maglia c’è una “J” che si riferisce al simbolo della squadra, inoltre c’è una banda nera che invece riprende il tema e il design dello Juventus Stadium, essendosi ispirati all’impianto come luogo simbolo dei successi bianconeri. Lo scollo della maglietta è a V e sulle spalle il nome e il numero dei giocatori saranno in nero. Esattamente come ha spiegato Gellner: “Il modo migliore per iniziare questa nuova collaborazione è celebrare i successi ottenuti dai bianconeri negli ultimi anni”. E, infatti, l’Adidas ha inserito sulle maglie le tre stelle ricamate sopra lo stemma.
A proposito di calciatori, sono stati quattro gli juventini che hanno indossato la maglia per la presentazione: Alvaro Morata, Claudio Marchisio, Kingsley Coman e anche Paul Pogba, quest’ultimo al centro di numerose voci di calciomercato.

La seconda divisa della Juventus e la campagna “Our Way or no way”

La seconda maglia, invece come afferma la nota sul sito ufficiale del club piemontese è: “Un ritorno alle origini con un tocco di innovazione. Dal 1897, anno della fondazione, fino al 1903, i calciatori della Juventus indossarono maglia rosa e pantaloni neri creando un kit divenuto iconico e parte integrante della storia del club”. Prosegue la nota: “I designer Adidas hanno quindi reinterpretato la tradizione abbinando al rosa chiaro, colore della maglia storica del club, bande rosa scuro posizionate sulle maniche e sul petto tra righe bianche, creando un mix di autenticità e modernità”. Esattamente come nel caso della prima divisa, la seconda che invece verrà adottata soprattutto per le trasferte, riporta anche gli inserti della J e dei dettagli che si riferiscono allo stadio. Infine il girocollo sarà nero, come nomi e numeri dietro la schiena.
Le nuove divise della Juventus saranno presentate a livello mondiale tramite la campagna “Our Way or no way” insieme al concetto targato Adidas #BeTheDifference, tramite il quale il marchio sta cercando di trasmettere la propria visione del calcio. E proprio per questo ha unito questa filosofia allo stile della Juventus, unico nel conseguimento dei propri risultati, come riporta il sito bianconero. “È un grande motivo di orgoglio avere un partner come Adidas al nostro fianco proprio in un momento così significativo della nostra storia. Nel percorso di consolidamento della nostra posizione ai vertici del calcio mondiale da oggi possiamo contare su un forte alleato in più, che crede fermamente in noi ed allo stesso tempo condivide con noi valori cardine come tradizione, internazionalità, capacità di rinnovarsi, ricerca dell’eccellenza e leadership”, ha spiegato Francesco Calvo Chief Revenue Officer Juventus in occasione della presentazione delle maglie per la prossima stagione calcistica.

LASCIA UN COMMENTO