E’ un mix perfetto tra nocciole e cacao messo a punto dal maestro Michele Prochet. E’ cominciato tutto nel 1865, l’anno in cui la Caffarel lanciò sul mercato dolciario il gianduiotto, questo capolavoro di fine pasticceria, perché si deve a quest’azienda nata a inizio ‘800 alle porte della città di Torino l’arrivo sulle tavole di tutto il mondo della celebre pralina. Il cioccolato era solo un privilegio per pochi e si poteva solo bere e non consumare come un bonbon.

Il gianduiotto Caffarel festeggia 150 anni
Il gianduiotto Caffarel festeggia 150 anni

Caffarel continua a produrre gianduiotti come un tempo, ben quaranta milioni l’anno, il loro incarto è famosissimo in tutto il mondo, nel nostro immaginario i foglietti di alluminio dorato richiamano immediatamente il famoso cioccolatino. A febbraio cadono i 150 anni di questa delizia tutta italiana e in occasione di tale evento il gianduiotto si veste di nuovo con un’edizione limitata firmata dall’artista torinese Ugo Nespolo per celebrare questo simbolo indiscusso del Made in Italy.

A parte il fatto di essere la prima pralina al mondo, sono gli ingredienti a fare la differenza e, la maestria dei pasticceri italiani, unici al mondo per fantasia e materie prime eccellenti. E’ fatto con le migliori nocciole delle Langhe, il processo produttivo è ancora artigianale: i pasticceri della Caffarel continuano a fare il gianduiotto con l’estursore (macchina che riproduce i movimenti del pasticcere) che rende ogni pezzo unico nella forma e nel gusto dandogli una morbidezza senza eguali. Nasce in un periodo di crisi, nel quale il cacao scarseggiava, proprio come ora, e fu mixato con le migliori nocciole per non sprecare troppa materia prima. Come sempre l’estro italiano nei momenti di crisi dà il meglio di sé.

Dite la verità, vi sta venendo l’acquolina… anche a me! Consoliamoci pensando che con l’approssimarsi del Natale si mangerà di tutto e probabilmente anche il famoso gianduiotto farà parte della nostra “dieta”. Comunque sia, tanti auguri grande cioccolatino tutto italiano.

LASCIA UN COMMENTO