Moto Gp d’Italia è di Jorge Lorenzo. Il pilota spagnolo ha vinto la gara sul circuito del Mugello, conquistando la terza gara consecutiva, dopo la Spagna e la Francia. Dietro all’iberico sono arrivati secondo Andrea Iannone e terzo Valentino Rossi. Durante la corsa si sono ritirati sia Andrea Dovizioso sia il campione del mondo in carica Marc Marquez.

Moto Gp d’Italia : la gara

Il Gp d’Italia ha regalato diverse emozioni, alla partenza i ducatisti hanno fatto meglio di tutti. Dovizioso è subito passato al primo posto lasciandosi alle spalle Lorenzo e terzo Iannone. Il Dottore invece che si trovava in terza fila non ha fatto un buon avvio di gara. Per gran parte della competizione Marquez al quarto posto ha lottato con Iannone per il terzo, mentre Dovizioso si è dovuto arrendere alla superiorità di Lorenzo.
E, infatti, già al 15esimo giro il maiorchino aveva messo al sicuro la sua vittoria lasciando il pilota in seconda posizione con sei secondi di svantaggio. Nel frattempo Rossi ha iniziato a recuperare sugli avversari fino a salire al quinto posto. Poi nel finale Dovizioso si è dovuto ritirare per un problema al posteriore della sua moto e a qualche giro dalla fine anche Marquez a causa di una caduta ha lasciato prima del previsto la corsa, nonostante avesse ottenuto una buona prestazione durante la gara.
Lorenzo ha tagliato il traguardo con il tempo di 41:39.173, dietro la Ducati di Iannone ha fatto il tempo di 41:44.736 e il campione di Tavullia è arrivato nel gradino più basso del podio con 41:45.834; a seguire sono arrivati quarto Dani Pedrosa (41:49.151) e quinto Bradley Smith (41:54.457).
La vittoria del pilota spagnolo ha ridotto la sua distanza nella classifica piloti dal compagno di squadra. Perché Valentino Rossi resta ancora primo con 118 punti, ma adesso Lorenzo diventa sempre più una minaccia per il titolo iridato portandosi a -6 dal campione italiano. Terzo e quarto si posizionano le due Ducati che fra di loro mantengono un distacco minimo, Dovizioso a 83 punti e Iannone a 81, infine Marquez segue il gruppo a 69 punti.

Moto Gp d’Italia: le dichiarazioni di Rossi e Lorenzo

Jorge Lorenzo, Iannone e Valentino Rossi
Moto Gp – Jorge Lorenzo, Andrea Iannone e Valentino Rossi

Valentino Rossi quindi guida ancora la classifica, anche se non può fare a meno di notare la forza del compagno di team in queste ultime competizioni. “Nelle ultime tre gare abbiamo avuto qualche problema in più, in questo weekend in particolare perché non sono mai stato abbastanza veloce. Quindi dobbiamo lavorare per essere più competitivi, Jorge è in grande forma e si sta avvicinando. E’ presto per dire che il campionato è chiuso ma oggi due dei quattro che sono lì davanti, Dovizioso e Marquez, hanno perso tanti punti e io e Lorenzo abbiamo allungato, però Jorge è in grande forma e sta guidando forte quindi la sfida sarà dura”. Però il Dottore è comunque rimasto soddisfatto della sua prestazione, come ha spiegato nell’intervista alla fine della corsa: “Sono contento perché sono salito sul podio e farlo dopo questa gara alla fine è un buon risultato. Sarebbe stato veramente un peccato non arrivare tra i primi tre qui al Mugello per tutti i tifosi arrivati e ci sono riuscito. Per come si era messa la gara è stato un grande risultato. Per tutto il weekend ho sofferto e sono stato piuttosto lento, anche in gara ho fatto fatica e non riuscivo a guidare bene, quindi salire sul podio e fare punti è un grande risultato”.
Un ottimo weekend è stato quello del pilota iberico della Yamaha, che sta andando avanti con una striscia positiva di successi: “E’ un grande momento, sono in grande forma e la moto va benissimo. La Ducati era lì e poteva vincere ma sono partito molto bene, ho superato Dovizioso con coraggio e ho cercato di portare avanti il mio passo. Ora voglio vincere la quarta gara di fila. Da qui alla fine della stagione possono succedere tante cose, ma sembra davvero essere l’anno della Yamaha, perché abbiamo una moto più equilibrata e dobbiamo approfittarne”.
Adesso Lorenzo e tutti gli altri piloti ritorneranno in pista il 14 giugno in Spagna sul circuito della Catalunya e tra i due piloti Yamaha continuerà la lotta per il titolo mondiale.

LASCIA UN COMMENTO