La Festa del Redentore è l’evento che ricorda la costruzione per ordine del Senato veneziano (4 settembre 1576) della Chiesa del Redentore quale ex voto per la liberazione della città dalla peste del 1575-1577, flagello che provocò la morte di più di un terzo della popolazione della città in soli due anni. Alla fine della pestilenza, nel luglio del 1577, si decise di festeggiare con decorrenza annuale la liberazione, con allestimento di un ponte votivo. Questa celebrazione diventa una tradizione ancora attiva dopo quasi cinque secoli. La Basilica del Santissimo Redentore, più nota semplicemente come chiesa del Redentore, è un importante edificio religioso di Venezia progettato dall’architetto Andrea Palladio nel 1577 sull’isola della Giudecca. È tradizionalmente il fulcro della grande festa del Redentore, celebrata la terza domenica di luglio a memoria del pericolo scampato.

Festa del Redentore 2014  a Venezia, i fuochi d'artificio
Festa del Redentore 2014 a Venezia, i fuochi d’artificio

Il 19 e 20 luglio 2014 si celebra a Venezia la tradizionale Festa del Redentore. Il sabato che precede la terza domenica di luglio (non è sempre il terzo sabato) viene aperto un lungo ponte votivo di barche, allestito sul Canale della Giudecca collegando l’isola con le Zattere all’altezza della Chiesa dello Spirito Santo, consentendo così il raggiungimento pedonale della Chiesa del Redentore. Oltre che per il carattere religioso, la festa va ricordata per un grande spettacolo di fuochi d’artificio che si tiene nella notte tra il sabato e la domenica sul Bacino di San Marco e per le tre regate di imbarcazioni tipiche veneziane organizzate nella giornata successiva, attraendo così un pubblico vasto e proveniente da tutto il mondo.

Il ponte votivo: L’apertura del ponte votivo su barche realizzato, collega la riva delle Zattere ala Chiesa Santo Spirito con la fondamenta del Redentore: 333 metri di passerella che poggia su 34 barche. Resterà aperto fino alle 22 di domenica. Il Patriarca benedirà le fasce che saranno consegnate ai campioni del remo per le regate di domenica.

I fuochi: Quaranta minuti di fuochi d’artificio dai mille colori, la vera magia della Notte del Redentore. Saranno decine di migliaia i veneziani che vi assisteranno, in barca e dalle rive. Almeno 50 mila turisti sono attesi in serata. I fuochi, allestiti dalla “fireworks“, saranno sparati da trenta postazioni automatiche sui pontoni posizionati al centro del canale della Giudecca. Il titolo dello spettacolo in sette atti è “Notte Veneziana”.

Le barche: Come sempre negli ultimi anni lo specchio acqueo del Bacino San Marco sarà suddiviso in settori, riservando alle barche a remi e alle barche tradizionali gli ormeggi in Punta della Dogana e più vicini all’isola di San Giorgio e alle piattaforme dei fuochi. Subito dietro i mototopi, le grandi barche a motore.

Trasporto pubblico: Il servizio ACTV sarà sospeso in bacino a partire dalle 19 fino alle 3 del mattino. Non resta che goderci questo favoloso spettacolo con gli occhi rivolti verso il cielo!

LASCIA UN COMMENTO