Notizie ultima oraEnzo Jannacci, 77 anni, il celebre cantautore, cabarattesta e cardiologo milanese, è morto ieri sera nella casa di cura Columbus di Milano. È stata aperta questa mattina la camera ardente. Il cantautore avrebbe compiuto 78 anni il prossimo 3 giugno. Nonostante la pioggia e le festività in tanti hanno deciso di dare personalmente l’ultimo saluto al “dottore” della musica. Il mondo della musica e della politica piange uno degli artisti simbolo del capoluogo lombardo. Jannacci si è spento al termine di una lunga malattia. Malato di cancro da alcuni anni, negli ultimi giorni era stato ricoverato per l’aggravarsi delle sue condizioni.

Enzo Jannacci è morto: Era malato di cancro
Enzo Jannacci: Muore di cancro, aveva 77 anni

È considerato uno dei pionieri del rock and roll italiano, insieme ad Adriano Celentano, Luigi Tenco, Little Tony e Giorgio Gaber, con il quale ha collaborato per oltre quarant’anni. Artista poliedrico, si è confrontato con diversi generi e personalità, influenzando le succesive generazioni di cantautori italiani e di cabarettisti (in primis Cochi e Renato). Tra i suoi successi piu conosciuti “Vengo anch’io, no tu no” (guarda) e “Quelli che…”.
Meneghino di nascita ma pugliese di origini (il nonno Vincenzo era emigrato a Milano, da Bari, poco prima dello scoppio della prima guerra mondiale), Jannacci frequenta il Liceo Classico Manzoni dove conosce Giorgio Gaber. Dopo il diploma consegue la laurea in medicina. Per ottenere la specializzazione in chirurgia generale si trasferisce in Sudafrica, ed entra a far parte dell’equipe di Christiaan Barnard. Poi si sposta negli Stati Uniti. Nel 1967 si sposa con Giuliana Orefice, che nel 1972 dà alla luce il loro unico figlio, Paolo, divenuto musicista e direttore d’orchestra.
Artista a tutto tondo, ha spaziato in tutti i campi della creatività: dalla musica al teatro, dalla letteratura al cinema. Il suo ultimo disco di inediti è stato pubblicato nel 2003, la sua ultima apparizione pubblica è del dicembre 2011 durante un programma-tributo in tv condotto da Fabio Fazio.
Unico nel coniugare intelligenza e satira, analisi della realtà e gusto del paradosso, Jannacci si può considerare tra i caposcuola del cabaret italiano, ma è stato anche autore di quasi trenta album, e di varie colonne sonore ed ha lavorato per il teatro, il cinema e la tv.

LASCIA UN COMMENTO