Alessandro Del Piero sarà uno dei cronisti Sky per il prossimo Mondiale; il calciatore italiano, durante la competizione iridata, parteciperà alla rassegna sportiva dei match in Brasile. Alla presentazione di SkySport dei commentatori della Coppa del Mondo, l’attaccante ha parlato  della sua nuova esperienza, senza dimenticare, però, che la sua carriera non è ancora arrivata al capolinea. Negli ultimi due anni, Del Piero ha continuato a giocare in Australia con il Sydney Fc; adesso, però, il contratto biennale è terminato e ci domandiamo cosa farà il Pinturicchio nazionale: tra le tante proposte il centravanti non scarta il Giappone e gli Stati Uniti e tante altre mete; si tratta di una serie di offerte che prenderà in considerazione, e che potrebbero aumentare durante la sua trasferta (fuori dal campo) in Sudamerica. E la Juventus è una possibilità da scartare? “Adesso sto iniziando un’avventura diversa, ma più volte ho sottolineato il mio legame con la Juve. Nel futuro tutto può essere, non chiudo le porte a nessuno”.

Alessandro Del Piero cronista Sky Mondiali Brasile 2014
Alessandro Del Piero cronista Sky Mondiali Brasile 2014

Giustamente, il calciatore 39enne di Conegliano Veneto, momentaneamente sta pensando a questa nuova esperienza in tv e, quindi, ci domandiamo cosa ne pensa della competizione internazionale: “Il sogno di tutti è una finale Brasile – Italia, ma per scaramanzia non diciamo nulla, solo un grandissimo in bocca al lupo. Il Mondiale è un momento fantastico della carriera di ogni calciatore e spero lo vivano al meglio, se poi lo vivono da vincenti a quel punto dico bravi, grandi e fortunati”. La nazionale verde oro sta un passo avanti a tutte le altre, anche secondo il nuovo commentatore Sky: “Ovviamente bisogna citare la Seleçao, che giocherà un ruolo di favorita – sfavorita. Giocare in casa ti da tantissimo, ma ti impegna molto”. Il campione del mondo 2006 un giorno dovrà dire addio al calcio e allora arriverà il momento di trovare il suo sostituto; Del Piero a chi darà la sua eredità? “Negli ultimi anni ho seguito di meno la serie A perché non ero in Italia. Ho visto crescere talenti interessanti e alcuni sono in Nazionale. Mi auguro possano fare una grande carriera”. Quegli stessi giocatori sognano ovviamente di arrivare ai livelli dell’ex capitano bianconero, magari di poter alzare un giorno la Coppa del Mondo, proprio come è accaduto a Del Piero sotto il cielo di Berlino il 9 luglio 2006.

LASCIA UN COMMENTO