Dopo il grande successo della prima mostra d’arte chiamata Contestualmente, la Galleria D’Arte Contemporanea Monogramma di Roma ha deciso di realizzarne un prosieguo. Chiamata semplicemente Contestualmente 2, questo nuovo appuntamento con l’arte vede ancora protagonisti gli artisti emergenti tra cui il poliedrico hair stylist Simone Di Fazio. Situata in via Margutta, la famosa strada a pochi passi da Piazza di Spagna, da sempre la Galleria Monogramma sostiene il lavoro di artisti italiani presentandoli  al pubblico internazionale. Nello stesso tempo mantiene un fertile dialogo con le istituzioni museali nazionali e internazionali, favorendo anche i rapporti tra gallerie, critici, curatori e collezionisti.

Contestualmente 2, la mostra delle opere d'arte di artisti emergenti
Contestualmente 2, la mostra delle opere d’arte di artisti emergenti

Tra gli artisti emergenti c’è  il giovane Simone di Fazio, affermato hair stylist, con il pallino per l’arte. I quadri di Simone di Fazio uniscono semplicità e glamour: la semplicità è rappresentata dal materiale scelto, ovvero il chiodo, mentre il glamour è data dall’oggetto che si è deciso di raffigurare, di solito sempre star del mondo del cinema. Ad esempio, sono già state ritratte star del calibro di Audrey Hepburn o il mitico Totò. Con questa nuova mostra nella prestigiosa galleria Monogramma, Simone di Fazio continua ad inserirsi nel mondo dell’arte romana. Già lo scorso gennaio era stato selezionato per partecipare al prestigioso premio OpenArt mentre, in precedenza, si era fatto conoscere in provincia di Latina grazie ad un vernissage a Terracina, tenuto in collaborazione con l’artista Eleonora Cappelli. La mostra Contestualmente 2 verrà inaugurata oggi, martedi 27 maggio, e resterà aperta fino al 3 giugno con i seguenti orari: tutti i giorni, esclusi i festivi, dalle ore 10.30 alle 13 e dalle 16 alle 19. Insieme a Simone di Fazio esporranno anche i seguenti artisti emergenti: Silvia Brunone, Marco Ginoretti, Daniela Lupi, Giuliana Papili, Concetta Siccardi, Luca Sordi, Eva Vanessa e Philipp Wakelam.

LASCIA UN COMMENTO