Presso l’Abbazia di San Fruttuoso – Camogli (GE) fino a domenica 19 ottobre 2014 sarà possibile visitare la mostra artistica “LE PIETRE RACCONTANO”. Memorie, segreti e antichi saperi, dalle origini ai giorni nostri. Una grande collaborazione che vede coinvolti il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, la Regione Liguria e la Provincia di Genova, il  FAI –  Fondo Ambiente Italiano, l’Associazione Culturale “Echi di Liguria, l’Ente Parco di Portofino e l’Area Marina Protetta di Portofino – in collaborazione con il Comune di Camogli, Assocoral di Torre del Greco e il Museo del Sigillo di La Spezia.

Camoglli, esposizione mostra artistica
Camoglli, esposizione mostra artistica

Le pietre raccontano la storia del territorio e dei monumenti, parlano di saperi, custodiscono segreti, conservano memorie di eventi e persone. L’uomo le ha studiate e catalogate, nel corso dei secoli le ha utilizzate per costruire, per realizzare manufatti artistici, per curare e per dare vita a originali sculture che possono essere suonate, come le “pietre sonore” di Pinuccio Sciola.

Il percorso espositivo si apre con un focus sulla storia geologica del Promontorio e del Parco di Portofino. A seguire la curiosa sezione dedicata alle pietre dell’equilibrio, curata dall’Area Marina Protetta, che permetterà al pubblico di conoscere gli otoliti presenti nell’orecchio interno dei pesci, vere e proprie sculture della natura.

La mostra prosegue alla scoperta delle pietre che custodiscono, grazie a un’ampia pagina dedicata a fossilie minerali provenienti dalla straordinaria collezione di Giancarlo Pallavicini, passando poi per le pietre che raccontano la storia dei monumenti. Di particolare interesse la sezione che esplora  il potere curativo delle pietre raccontato da Eugenio Ragazzi, Docente di Farmacologia, Dipartimento Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi di Padova.

Il percorso continua con originali sculture che possono essere suonate, ovvero le pietre sonore dello scultore sardo Pinuccio Sciola che, attraverso le vibrazioni insite nelle pietre che scolpisce, crea veri e propri concerti, con performance apprezzate in tutto il mondo.

Infine nella sezione le pietre che adornano si possono ammirare gioielli, sculture e oggetti in pietre dure e gemme multicolori realizzati da valenti artigiani e gioiellieri, oltre ad alcuni pregevoli sigilli del Civico Museo del Sigillo di La Spezia, che per lungo tempo sono stati simboli del potere.

camogli mostra artistica pietre foto1

Per informazioni:

FAI – Abbazia di San Fruttuoso di Camogli, tel. 0185-772703; [email protected]

FAI: www.fondoambiente.it

LASCIA UN COMMENTO