Ultimamente sentiamo parlare spesso della cantante Tiziana Sinagra, siciliana verace e sanguigna, con una grande potenza vocale ma allo stesso tempo dolce e passionale. Dopo aver partecipato a Mezzogiorno in Famiglia rappresentando egregiamente Sciacca la sua città natale, la ritroviamo al Teatro Brancaccio di Roma in occasione del 20esimo anniversario della campagna “TRENTA ORE PER LA VITA” programma trasmesso il 25 novembre 2013 ideato e curato dalla grandissima Lorella Cuccarini e realizzato dal Maestro Beppe Vessicchio. Tiziana si è esibita con un brano inedito in inglese di Schembri-Camasso dal titolo “SOLDIER CHILD” (“BAMBINO SOLDATO”), emozionando il pubblico in sala.

Tiziana Sinagra canta al Teatro Brancaccio di Roma 25 novembre 2013
Tiziana Sinagra a 30 ore per la vita Teatro Brancaccio di Roma

Per l’occasione il brano e’ stato ri-arrangiato dal Maestro Beppe Vessicchio e dalla sua grandissima Orchestra “IL SESTO ARMONICO”, un mix perfetto e molto particolare di violini melodiosi e grinta vocale rock. Un brano che tratta un tema a lei molto a cuore, quello dei bambini soldato, realtà assai diffusa in Africa, Sud-America e Asia. Anime innocenti che vengono sfruttate in operazioni militari come spie o messaggeri e ai quali vengono spesso somministrati degli stupefacenti. “Tutti i bambini hanno diritto ad essere protetti, tutelati, a vivere serenamente la loro infanzia, ad istruirsi e a non lavorare” dichiara Tiziana ai nostri microfoni. “Tutti dovremmo renderci conto delle sofferenze e delle ingiustizie che vivono i bambini dell’Africa… L’infanzia e’ l’eta’ del gioco, del divertimento, della spensieratezza… Lasciamo che anche loro la vivano così“.

LASCIA UN COMMENTO