Il 4 gennaio 2015 ci ha lasciati uno dei più grandi musicisti italiani, Pino Daniele, classe 1955. Colpito da un malore mentre si trovava nella sua casa nella campagna della Maremma, il “nero a metà” se ne è andato dopo una lunga corsa fino all’ospedale Sant’Eugenio di Roma e gli inutili tentativi di rianimazione. A un anno dalla prematura e improvvisa scomparsa, sono tante le iniziative che renderanno omaggio alla figura del cantautore partenopeo.

Pino Daniele commemorazione del grande cantante napoletano
Pino Daniele anniversario di morte: flash mob e tributi per il cantautore napoletano

Anniversario della morte di Pino Daniele

Sul web sono stati già annunciati flash mob che raccoglieranno tantissimi fan di Pino Daniele, musicisti e non, in Piazza del Plebiscito a Napoli per recarsi poi nella strada del centro storico che gli è stata dedicata. Inoltre sono state organizzate mostre fotografiche, tour guidati, tributi musicali e iniziative editoriali. A breve dovrebbe essere inaugurata anche una sezione permanente al Museo della Pace dedicata interamente a Pino Daniele. Un ricordo ancora vivo nel cuore di tutti i napoletani, e non solo, che in tutto il 2015 hanno preso parte a numerosi eventi in sua memoria. L’ultimo in ordine temporale è stato il concerto di San Silvestro dedicato a lui e a Luca de Filippo, due artisti che hanno reso grande la città di Napoli, portando la loro arte in tutto il mondo. Per volontà della famiglia è nata la Fondazione Pino Daniele trust onlus che ha l’obiettivo di promuovere iniziative culturali, sociali e musicali. Il primo progetto da realizzare sarà la creazione di un’installazione museale, la Pino Daniele Alive, ospitata nel Museo della Pace che si auspica possa essere inaugurata il 19 marzo, data del compleanno dell’artista. E ancora: presentazioni di libri a lui dedicati, uscite speciali dei quotidiani, eventi musicali. La città di Napoli ricorda uno dei suoi cittadini più illustri che tanto ha regalato e continua a regalare ai suoi fan e a tutti quelli che amano la sua musica.

LASCIA UN COMMENTO