Elisa duetta con Emma Marrone all’Arena di Verona. Emozioni, musica, duetti e un live molto speciale quello che Elisa ha regalato ai suoi fan all’Arena di Verona, ultima tappa del Tour “L’anima vola”. Una serata sold out in una cornice molto speciale, che rappresenta il punto di arrivo per moltissimi cantanti, a cui oggi si aggiunge anche Elisa, la giovane sedicenne che stregò Caterina Caselli con quel suo cantare in inglese che era già una promessa internazionale. E infatti l’anno scorso, una grande sorpresa per la cantante fu quella di vedere inserito un suo pezzo nella colonna sonora di Django Unchained.

Elisa ed Emma infiammano l'Arena di Verona
Elisa ed Emma infiammano l’Arena di Verona

Alla bellissima voce di Elisa si sono alternate quella di Ozark Henry, con il quale ha cantato “I’m your sacrifice” e “We are Incurable Romantics”, Jack Savoretti cantando “Ancora tu”. Il duetto più atteso e più apprezzato è stato però quello con Emma Marrone, un onore e un’emozione per la stessa Emma che ha aggiornato continuamente attraverso Twitter ed Instagram, dal momento delle prove fino alla serata che l’ha vista cantare insieme ad Elisa il già successo “Maledetto Labirinto”.

Proprio infatti nel pomeriggio precedente alla serata Emma ha condiviso su Instagram la scaletta del concerto e non ha nascosto l’emozione di essere stata invitata da una delle cantanti più importanti del panorama italiano: “Ero una ragazzina che andava al liceo come tante altre ragazzine, con il diario sotto il braccio e le parole appese negli occhi… Io a stento traducevo versioni di greco e di latino… Ma io volevo fare la cantante… E giù tutto il  mondo a ridere… E pure io. Arena di Verona 27/09/2014. Concerto di Elisa il mio nome vicino al suo… Il mondo forse ride ancora Rido anch’io… Ma perchè la mia anima stasera ha volato con la sua… E parliamoci chiaro… A scuola sono sempre stata una schiappa. Grazie immensa Elisa“. Queste le parole di Emma, che come ogni ragazzina che sogna la musica ha realizzato un sogno: non un  semplice duetto, ma la possibilità di poterlo condividere con una fetta grande della musica italiana.

LASCIA UN COMMENTO