L’11 Febbraio 2012 si spegneva Whitney Houston. Una cantante, una diva, una leggenda che ha scaldato i cuori di tutti noi con la sua incredibile voce potente e vellutata. Hollywood, che ama ricamare (e guadagnare) sulle storie dei grandi dello spettacolo, ha prodotto un film biografico sulla star, in uscita a Gennaio 2015. Il lungometraggio è diretto dall’attrice Angela Bassett, che per il suo debutto dietro la macchina da presa ha scelto di raccontare la vita della travagliata icona della musica pop, spentasi a soli 48 anni la sera prima dei Grammys, gli Oscar della musica. Per interpretare Whitney è stata scelta Yaya DaCosta, una ex concorrente del talent America’s Next Top Model.

Whitney Houston film biografico interpretato dalla modella Yaya DaCosta
Whitney Houston film biografico interpretato dalla modella Yaya DaCosta

Assieme al trailer del film, su Internet sono già comparse alcune foto in cui la DaCosta ricrea le movenze e le immagini di Whitney. Una in particolare vede la modella posare come la diva per la cover del suo storico album omonimo del 1987 – Whitney– e ha fatto molto parlare il web per l’incredibile somiglianza fra le due. Intervistata riguardo alla sua interpretazione la DaCosta ha dichiarato:

Whitney è una diva. Un’icona. Ho dato tutta me stessa. Per gli scatti ho guardato attentamente le fotografie e poi ho posato. Ed è venuto tutto così naturale, sono soddisfatta del risultato“.

Non sono stati felici invece i famigliari della Houston, che si sono fermamente opposti alla realizzazione del film, sin dalla pre-produzione. In particolare la figlia della diva, la ventenne Bobby Kristina (salita alla ribalta del gossip in America per aver sposato il fratellastro), che avrebbe voluto ottenere una parte nel film, addirittura forse interpretare la defunta madre. Venuta a sapere del desiderio, la regista ha subito fermato la ragazza, accendendo un perentorio semaforo rosso alla sua carriera di attrice. Contrariata e irata, Bobby si è sfogata su Twitter, dove ha scritto: ” Ci rivedremo quando avrò vinto il mio primo Grammy o Oscar. Ti pentirai di non avermi inserito nel cast”. Pochi giorni dopo la Brown ha capito di aver sbagliato e si è poi scusata, ma ormai il danno era già fatto.

Il biopic è prodotto da Lifetime, emittente televisiva USA che ha già prodotto alcuni film biografici, fra cui quello su Elizabeth Taylor con protagonista l‘ex bad girl Lindsay Lohan.

LASCIA UN COMMENTO