Parlare di personaggi della televisione potrebbe sembrare banale ma ci sono degli artisti che colpiscono particolarmente e che, con la loro verve e simpatia, sanno imporsi al di sopra di tutti. Questo è il caso di Flavio Insinna. Ho conosciuto questo attore nel 1999 al tempo della preparazione della prima serie di Don Matteo. La produzione aveva scelto un luogo fantastico per girare la fiction: le strade e i palazzi della città di Gubbio, in provincia di Perugia. Ad ogni attore era stato assegnato un alloggio in strutture alberghiere o presso privati. Avendo da molti anni una casa in quella città, mi capitò per caso che Flavio fosse ospitato proprio di fronte alla porta del mio fondo. Tutte le sere, dopo aver girato le scene decise dal regista, Flavio con gli amici tornava allegramente a casa, commentando ad alta voce, con il suo caratteristico accento romanesco, i risultati delle registrazioni.

Flavio Insinna Affari tuoi
Flavio Insinna: l’umanità e l’allegria del conduttore di Affari tuoi

Flavio Insinna: Che buono il Chianti toscano!

In cantina tenevo del buon Chianti e vedendo Flavio Insinna davanti a me, gli offrii un buon bicchiere di vino. Lui accettò con molto piacere la mia offerta e da quella sera la bevuta del Chianti toscano divenne una simpatica tradizione, fino a che la compagnia non ripartì per Roma. Devo dire che fu una esperienza davvero spensierata, Flavio si dimostrò disponibile e chiacchierone. La prima volta ebbi timore che mi snobbasse essendo per lui un perfetto sconosciuto, invece ogni sera, appena arrivato davanti alla mia porta mi chiamava a gran voce: «Fiorentino! Non c’è il Chianti stasera?» seguitando con una bella risata. Travolto dalla sua vulcanica personalità, in quel mese di bevute non ho mai chiesto l’autografo a Flavio e questa è stata una dimenticanza imperdonabile.

Flavio Insinna Affari tuoi (foto)
Flavio Insinna Affari tuoi (foto)

Rivederlo in questi anni alla TV mi ha fatto apprezzare anche la sua bravura e professionalità nel difficile compito di condurre con spigliatezza il programma “AFFARI TUOI” su Rai Uno. E’ il beniamino dei bambini che gli scrivono simpatiche letterine come anche delle nonne che non si perdono una sola puntata.
Sicuramente Flavio non si ricorderà più di quella piccola esperienza enologica che in me è rimasta così vivida e reale. Da quel lontano agosto del 1999, ho continuato a seguire la sua bella carriera, immaginando di averlo ancora davanti a me.

Ho conosciuto altri personaggi famosi che mi hanno rilasciato gentilmente il loro autografo, come per esempio il grande attore Eduardo De Filippo dopo una recita al teatro della Pergola. Anche lui fu gentile con lo studentello affascinato dalla sua superba recitazione, ma fu una esperienza diversa.
Flavio ti coinvolge, ti travolge con la sua innata simpatia e allegria. Ti sembra di averlo sempre conosciuto e ti verrebbe voglia di battergli una mano sulla spalla e di chiamarlo “amico”.
Ho voluto raccontarvi questa mia modesta esperienza per dimostrarvi che non tutti gli artisti sono “mostri sacri” lontani dalla gente che li ammira sullo schermo.

Flavio Insinna non ha perso la sua umanità e dimostra di poter comunicare a chiunque la sua allegria e la sua propensione a fare amicizia con tutti.

LASCIA UN COMMENTO