Simone Amato, “Volto più Bello d’Italia 2013”, attore, studia recitazione, dizione e portamento. Pratica sport come pugilato e calcio, grande tifoso della Roma e nonostante i tanti impegni ha un vasto curriculum da modello. Ha esperienze importanti come le pubblicità per i gioielli Brosway, la linea di orologi Myconos, gli spot per Sky con Fiorello ed il ruolo nella fiction “Sangue caldo” con Gabriel Garko e Manuela Arcuri. Segue uno stile di vita da atleta professionista, è un ragazzo semplice dal carattere deciso e forte, legato ai veri valori della vita come la famiglia. La mamma da ragazza ha partecipato a Miss Italia ed ha indossato la fascia di Miss Abruzzo, mentre il papà, scomparso quando Simone era piccolino, era un grande appassionato di fotografia. Nel mese di marzo Simone ha presentato ad Anzio la sfilata di moda a scopo benefico “Tres Chic – la moda passa lo stile resta”, evento ideato ed organizzato da Federico Lauri Fashion Style. Il 15 maggio 2014 sarà protagonista insieme alla Nazionale Attori nella “Partita del Cuore”, iniziativa che sostiene i bambini. In esclusiva si confida a GenteVip.

Simone Amato, artista poliedrico ama giocare a calcio e sogna di fare l'attore
Simone Amato ama giocare a calcio, la sua passione più grande è la recitazione

“Volto più bello d’Italia”, modello, sportivo, attore. Chi è Simone Amato?

Simone Amato è un’artista. Non amo le classificazioni, tutto ciò che è spettacolo per me è arte e ogni forma di arte regala delle emozioni diverse. Lo sport ha sempre fatto parte della mia vita e proprio da esso prendo la forza e la grinta che mi porta avanti giorno dopo giorno.

Cosa sognavi di diventare da bambino?

Da bambino sognavo di diventare come mio padre, questa frase parla da sola, non credo ci sia il bisogno di aggiungere altro; i genitori quando siamo bimbi sono il nostro esempio e continuano ad esserlo ovviamente ma quando siamo piccoli loro ci indirizzano e ci fanno capire cosa siamo e chi vorremmo diventare un giorno.

Quando è nata la tua passione per la moda?

La mia passione per la moda è nata all’età di 18 anni, e devo dire per gioco, poi mi sono appassionato e sono riuscito ad ottenere i miei successi.

Per riuscire ad affermarti quanto impegno e sacrificio si nasconde dietro?

Posso assicurarvi che non si nasconde proprio il sacrificio e l’impegno, anzi è sempre molto tangibile e visibile agli occhi di tutti; non si smette mai di imparare e di crescere sia artisticamente che personalmente quindi lo studio, l’impegno, la determinazione, la passione sono tutte qualità che nella vita fanno la differenza.

Quali sono le tue passioni?

Ovviamente amo recitare,  ma parlando di passioni in generale, amo le cose semplici quali, passeggiare, cucinare, andare al cinema, stare con gli amici, leggere e ascoltare musica; per questo mi reputo una persona abbastanza ordinaria.

Cos’è per te la famiglia?

La famiglia è tutto per me, non ci sono parole per descrivere le emozioni che si provano stando tutti insieme attorno ad una tavola o a vedere un film, ma la famiglia è anche saggezza infatti proprio da essa ho preso i miei valori e i miei principi, purtroppo non è sempre così per tutti e nonostante abbia perso mio padre da piccolo mi reputo una persona fortunata perché ho una famiglia unita e che si ama, cosa che non hanno tutti.

Una domanda che non ti ho fatto?

Mi aspettavo una domanda sul mio stato sentimentale o cose del genere, ah ah ah, visto che sono domande che all’interno di un’intervista non mancano quasi mai, ma sinceramente meglio così almeno lascio la curiosità nel cuore delle persone.

Quali progetti hai per il futuro?

Il 15 maggio sarò protagonista insieme alla Nazionale Attori nella “Partita del Cuore” iniziativa che sostiene i bambini, sono onorato di poter usare il calcio come strumento per poterli aiutare. Nei prossimi mesi andrò in scena con due spettacoli teatrali, “7 minuti” diretto dal maestro Marco Pilucci e “Amleto” diretto dal maestro Luciano Bottaro, ovviamente ci sono altri progetti ma preferirei non parlarne per scaramanzia.

Credito foto: Diletta Vinci

LASCIA UN COMMENTO