Ha lasciato la facoltà di Giurisprudenza e si è ritrovato, quasi per caso, alla conduzione delle selezioni di Miss Italia ma dopo aver preso parte, nel 1994, alla soap-opera “Micaela” Marco Senise raggiunge il successo con la conduzione, insieme a Rita dalla Chiesa e Fabrizio Bracconieri di “Forum” col quale segna un sodalizio di molti anni. Attualmente è impegnato nella conduzione di “A fior di pelle” su Agon Channel e conduce una vita sentimentale stabile grazie alla nuova fiamma Alice. Lo abbiamo incontrato la scorsa settimana ad Anzio, ospite all’evento “Moda & Bellezze” condotto da Anna Falchi e Roberto Farnesi. Marco Senise in esclusiva su Gente Vip.

Marco Senise – Fiore all’occhiello di Agon Channel

Marco Senise
Marco Senise

Entrare nel mondo dello spettacolo è piuttosto complicato. Quali sono state le tue difficoltà maggiori?

La difficoltà maggiore è cercare di avere credibilità nei confronti degli addetti ai lavori. E’ normale che all’inizio non si hanno le sicurezze e l’esperienza che acquisisci con il tempo, quindi quando si comincia bisogna subito cercare di imparare il mestiere. Oggi il mestiere del conduttore è un mestiere un pò bisfrattato, nel senso che molti impresari, soprattutto durante il periodo estivo, fanno condurre serate a persone molto improvvisate e non danno importanza alla professionalità del conduttore. E’ chiaro che quando si comincia bisogna cercare di farsi spazio e cercare di “rubare ai più grandi.

Negli anni hanno collegato il tuo volto e quello di Fabrizio Bracconieri al programma “Forum”. Che rapporto hai con gli ex colleghi?

Ottimo, sia con Rita (Dalla Chiesa, n.d.r) che con Fabrizio siamo rimasti in ottimi rapporti. Ci sentiamo abitualmente, adesso Fabrizio si è trasferito a Trapani con la famiglia e ci sentiamo molto spesso telefonicamente visto che vederci è un pò più difficile stando io a Roma. Ho anche un ottimo rapporto con Rita e ci confidiamo anche su cose personali. Non si dimenticano insomma così tanti anni passati insieme e soprattutto il rapporto di grande amicizia che si è creato fuori dagli studi.

“A fior di pelle” è il fiore all’occhiello di Agon Channel, qual è secondo te il punto forte del programma?

La bellezza delle ragazze e la freschezza del gioco, diciamo che il programma è nato per un pubblico giovanile, ma poi ha preso un po’ tutta la famiglia. Sono ragazzi e ragazze che sfilano e giocano con concorrenti molto giovani albanesi, carini e simpatici, freschi e divertenti. Il gioco vuole mantenere questa caratteristica, quella del Quiz con domande molto semplici di cultura generale, con il coinvolgimento dei ragazzi e delle ragazze che sfilano sulla passerella, accompagnati dai successi musicali del momento.

Il mondo della conduzione televisiva, soprattutto ai giorni nostri, è ricca di sfumature e diversità. Quali sono le prerogative che deve avere un buon conduttore ?

Marco Senise
Marco Senise

Io sono un conduttore che si è ispirato molto a Paolo Bonolis e credo che lui sia il presentatore per eccellenza perché bisogna essere molto spigliati e divertenti, la battuta pronta è la caratteristica principale che deve avere il conduttore di intrattenimento leggero e Paolo ha un po’ tutto questo, accompagnato da una buona dialettica, altra caratteristica importante e cioè saper parlare un italiano corretto, cosa che non a tutti riesce. Mi piace molto anche Gerry Scotti, nonostante sia molto diverso perché Paolo è più cattivello, “malignetto” mentre Gerry è bonaccione, amico di tutte le signore e più accomodante.

C’è un’ esperienza televisiva e non che sogni di fare?

Mi piacerebbe molto continuare a condurre quiz perché nel quiz credo che ci sia un pò tutto: il rapporto con il concorrente, la souspance del gioco e anche l’argomento giusto che riesce a tirar fuori la parte ironica che c’è in me. Mi piacerebbe fare anche altro, ad esempio programmi di intrattenimento quindi magari con intervista a personaggi e anche presentare eventi di musica importanti, cosa che magari faccio in estate, ma televisivamente parlando non mi è mai capitato. Quindi in definitiva mi piacciono i programmi di contatto con l’ospite.

Il miglior pregio e peggior difetto di Marco Senise?

Il difetto forse è che Marco Senise è un po’ pigro, nel senso che forse poteva fare un qualcosa in più nella vita, se avesse messo un po’ più d’impegno e il pregio è che fondamentalmente è troppo buono, forse troppo.

Nel 2010 hai affermato che un single incallito come te è difficile da tenere a bada, oggi che rapporto hai col sentimento dell’amore?

Esco da una storia di sei anni da circa un anno e adesso frequento una ragazza che si chiama Alice, molto carina, molto bella, affascinante e intelligente. Ho sempre avuto con l’amore un bel rapporto non sempre ripagato, forse credo di aver dato sempre di più in ambito amoroso, piuttosto che aver ricevuto. Sono una persona che quando si innamora e crede nella persona che ha vicino si dà completamente, forse anche questo è un difetto, nel senso che l’amore va vissuto come una partita a scacchi, non dovrebbe essere così però, ogni mossa dovrebbe essere valutata. Io sono una persona portata sempre a dare e spesso non si viene capiti e poi le cose finiscono male. Però comunque, per il momento, sono molto felice con Alice.

In quali progetti futuri ti vedremo coinvolto?

Vediamo con Agon Channel quello che succederà, adesso stiamo valutando il palinsesto nuovo e per il momento non so quale sarà di preciso il mio programma futuro, ma ci stiamo lavorando.

LASCIA UN COMMENTO