Fino a qualche settimana fa, in televisione, il concetto di bellezza veniva regolarmente associato a ballerine, attrici e show-girl. Da quando va in onda il programma “Salute-Istruzioni per l’uso”, i telespettatori possono accostare quello stesso concetto anche alle tre dottoresse che affiancano il padrone di casa Roly Kornblit. Una di loro è Loredana Canzano, psicologa, psicoterapeuta, specialista in Neuropsicologia, che ha accettato di raccontare questa sua inedita sul piccolo schermo a GenteVip.

Loredana Canzano intervista esclusiva a GenteVip
Loredana Canzano intervista esclusiva a GenteVip

Più della metà delle puntate di “Salute – Istruzioni per l’uso” sono andate in onda. Un bilancio temporaneo?

Esperienza unica, colorata da emozioni e nuove amicizie. Una grande possibilità di confronto con professionisti che hanno lavorato con passione, cercando di realizzare un programma scientifico valido e accessibile al pubblico.

Tornando indietro, rispetto al tuo ruolo, cosa faresti meglio o cosa, eventualmente, non rifaresti?

Proverei a vivere con più tranquillità il set televisivo e probabilmente cercherei di ridurre al minimo i tecnicismi teorici, utilizzando una comunicazione ancora più semplice e chiara.

Qual è la puntata di cui, in assoluto, sei più fiera?

Le puntate in cui ho potuto descrivere la teoria a partire da un vissuto personale. Quindi direi la puntata in cui ho affrontato il tema del Disturbo da Deficit dell’Attenzione con Iperattività e dei Disturbi dello Spettro Autistico.

L’aspetto più positivo di tutta questa esperienza?

La conoscenza di persone di grande cultura e professionalità. Inoltre, è stato divertente indossare nuove vesti ed affrontare un ambiente nuovo, fatto di luci e telecamere.

E quello più complicato?

Probabilmente, il provare a sentirsi a proprio agio in un ambiente così inusuale e diverso dalle situazioni che solitamente viviamo. L’attenzione e la delicatezza, con cui autori, regista ed il resto del gruppo hanno supportato me e le mie colleghe, sono state sicuramente la formula magica che ha permesso il superamento dei limiti dovuti alla nostra “ingenuità” televisiva.

La sorpresa più grande legata a “Salute -Istruzioni per l’uso”?

La disponibilità all’ascolto e allo scambio di conoscenze. È stato un lavoro di squadra emozionante e formativo, il risultato di una sintonia di professionisti, ciascuno mosso da una grande passione per il proprio mestiere.

Ti piacerebbe misurarti, in futuro, con una seconda edizione di “Salute – Istruzioni per l’uso”?

Sarei entusiasta di lavorare nuovamente con tutto il team per una seconda edizione del programma, sebbene l’impegno sia notevole. Forse suddividerei il lavoro in più giorni anziché convogliarlo in due intere giornate.

L’estate é ormai alle porte. La tua come sarà?

Lavorerò fino ai primi di agosto e poi, zaino in spalla, alla scoperta di Cuba.

LASCIA UN COMMENTO