Angelo Misseri è il bello e tenebroso del panorama teatrale italiano. Nato a Palermo 29 anni fa, ha dedicato la vita al teatro ed investe ancora oggi nei giovani talenti. Egli debutta al teatro Santa Cecilia di Palermo e in seguito si trasferisce a Roma dopo la vittoria di due borse di studio. Grazie all’aiuto di lavori saltuari riesce a sostenere gli studi fin quando non entra come attore al Teatro delle Emozioni. Ha da poco superato una selezione tra attori e presentatori per far parte del cast come co-protagonista del film “Dancing Dream – il Sogno di mia Madre” e sarà il presentatore di ogni tappa del concorso che sarà accompagnata anche da una web series. Le prossime tappe proseguono l’11 e il 12 aprile in Cinecittà World a Roma, il 25 e 26 aprile a Potenza, a Reggio Calabria a maggio, il 6 e 7 giugno a Catanzaro e il 6 e 7 Luglio a Rimini. Il film a cura del giornalista Enzo Fasoli, direttore artistico del concorso nazionale di danza e cantoDancing Dream – il Sogno di mia Madre” è tratto da una storia vera.  Ambientato a Parigi, racconta la vita di una ragazzina che non amava la danza e che voleva altro dalla sua giovane vita. La madre cercherà di trasmettere alla figlia il valore di questa disciplina, sia dal punto di vista formativo che artistico, nella speranza di invogliarla ad una visita presso una scuola di danza. Angelo Misseri si racconta in esclusiva su GenteVip.it

Angelo Misseri intervista esclusiva a GenteVip
Angelo Misseri intervista esclusiva a GenteVip

Angelo Misseri: “il ruolo del matto cattivo mi fece prendere un bellissimo 30”

Una situazione familiare difficile ma un sogno da perseguire. E’ stata dura riuscire a seguire il teatro? Hai mai pensato di mollare?
Sì… è stata molto dura percorrere la strada del teatro, anche perché essendo piccolino avevo un impegno da non sottovalutare che era la scuola. Ogni mattina mi svegliavo alle 7, ma questo non mi impediva di andare a studiare insieme a Franco, scaldati nel suo laboratorio teatrale, dalle 21 fino alle 2/3 di notte. In realtà da piccolino nom ho pensato mai di mollare, ma poi crescendo ho avuto un po’ di sconforto dovuto all’esigenza di una stabilità economica, ma la mia passione e testardaggine non mi hanno fatto mollare e ne sono fiero.

Una vita ricca di sacrifici ma fruttuosa alla fine. Quando hai capito che la strada imboccata era quella giusta ?
Veramente non avevo capito che la strada giusta fosse questa, è nelle mie preghiere, lo chiedevo sempre a Dio e durante la notte aprivo i miei lunghi dialoghi con il Padre…. e le risposte mi arrivavano tramite gli esperti, che mi facevano notare che in me c’era un attore, un artista e quindi di non mollare, perché ogni volta che avevo un dubbio veniva soppresso dalla professionalità e dai complimenti di persone competenti nel mondo dello spettacolo.

Credi che lo scopo principale dell’attore sia emozionare se stesso o emozionare il pubblico?
Lo scopo dell’attore è quello di trasmettere e far vivere l’emozione al pubblico e questo l’ho capito fin da piccolo quando mi emozionavo piangendo e ridendo davanti a un film, e pensavo che bello trasmettere ciò ad un pubblico così grande, con diverse opinioni.. voglio farlo anche io!

Come attore hai avuto modo di interpretare diversi ruoli, quale si addice alla tua personalità?
Vari ruoli sì, ma in realtà sono belli tutti perché ti fanno cambiare.. oggi sei cattivo, domani buono, oggi ricco, domani povero. A me personalmente il ruolo del bimbo in teatro mi diverte parecchio ma anche quello del matto cattivo, anche perché quello una volta in accademia mi fece prendere un bellissimo 30. Dimenticavo… da non sottovalutare anche il ruolo dell’innamorato, sì.. lo ammetto, sono un romanticone.

“Dancing Dream – il Sogno di mia Madre” sigilla un nuovo traguardo, come hai reagito quando hai saputo di essere entrato nel cast?
Beh.. come ho reagito? Avreste dovuto esserci! Saltellavo per tutta Roma come un canguro, una gioia immensa, è una responsabilità non da poco. Sono molto felice di intraprendere il ruolo di presentatore in tutte le tappe del concorso e felice di essere il co-protagonista in questo splendido film di Enzo Fasoli.

A quali progetto futuri stai lavorando? Ti vedremo presto?
Adesso sì.. un altro piccolo traguardo.. è un altro progetto ed esperienza da condividere con voi, ma non ho ancora firmato il contratto e quindi non svelerò nulla fino all’ultimo, ma ve ne parlero presto. Unico indizio che posso darvi è che mi vogliono rasato!

LASCIA UN COMMENTO