Justin Bieber massacrato dai media di tutto il mondo per l’accusa di razzismo, cerca di difendersi, ma questa volta dovrà essere davvero convincete. Infatti il ventenne cantante idolo delle teenager deve giustificare ai suoi fans (e ai loro genitori) dei video che purtroppo per lui sono finiti online. Il primo è stato diffuso dal giornale di gossip temuto da tutti i vip TMZ (anche il famoso filmato di Solange Knowels che picchia Jay-Z era stato pubblicato dallo stesso sito), e mostra un Bieber quindicenne che racconta una barzelletta razzista dove la fastidiosa parola “nigger” viene detta un po’ troppo spesso.

Justin Bieber accusato di razzismo
Justin Bieber accusato di razzismo

Finito nella trappola del politicamente scorretto, il cantante canadese è dovuto correre ai ripari con un comunicato stampa ufficiale: “da ragazzo giovane non avevo capito la potenza che possono avere certe parole e quanto siano in grado di ferire le persone – ha dichiarato Justin Bieber –. Pensavo che fosse ok poter ripetere certe parole offensive e certi scherzi, ma in quel momento non mi rendevo conto che non era per nulla una cosa divertente e del fatto che le mie azioni erano mosse dall’ignoranza. Grazie alla mia famiglia ed ai miei amici ho imparato dagli errori che ho commesso e mi sono scusato per i miei torti. Ora che i miei errori del passato sono venuti a galla, voglio fare le mie scuse a tutti quello che ho offeso con quelle parole. Mi dispiace molto”.

Eppure i guai per il ventenne più invidiato del mondo non finiscono qui perchè il The Sun ha diffuso un altro e più compromettente video. In questa circostanza il biondino non ha il visino delicato dei 15 anni perchè le immagini sono molto più recenti e lo immortalano mentre inneggia addirittura al Ku Klux Klan. Bieber, inoltre, nel filmato canta il motivo della sua canzone One Less Lonely Girl parafrasando il testo al punto da renderlo razzista. Un episodio spiacevole, soprattutto perchè il cantante è un idolo per tanti adolescenti, e la fama ha i suoi pro e le sue responsabilità.

LASCIA UN COMMENTO