Quella di Massimo Troisi è senza dubbio una figura fondante nel panorama cinematografico italiano. L’attore, ricordato e amato da tutti, è destinato a non essere dimenticato e, piuttosto, ad essere guardato come un esempio d’eccellenza. Scomparso prematuramente a soli quarantuno anni, Massimo rimane un orgoglio italiano. Oggi se ne torna a parlare per un fatto forse un po’ frivolo rispetto alla sua grandezza e al suo talento. Si tratta, infatti, di una questione amorosa svelata a trent’anni di distanza da quando il tutto è accaduto.

Gossip News – Eleonora Giorgi e Massimo Troisi uniti da Carlo Verdone

A parlare è la diretta interessata, Eleonora Giorgi, la quale ha parlato della sua vita e dei suoi amori in generale. Toccando l’argomento, però, è emerso anche il nome di Massimo che di certo non poteva passare inosservato. La Giorgi lo introduce così, con parole calorose che rimandano subito alla città natale di Troisi, uno sfondo campano così importante per lui:

“Ci sono artisti che nessun emulo, per quanto amato, può sostituire nel cuore del suo pubblico. Massimo Troisi era nato sotto il vulcano, sotto quel temibile Vesuvio, a San Giorgio a Cremano, piccolo centro a pochi chilometri da Piazza del Plebiscito”.

Eleonora e Massimo: “una passione improvvisa, breve e bruciante”

Eleonora Giorgi e MassimoTroisi
Eleonora Giorgi e MassimoTroisi

Come si sono conosciuti i due? L’anello mancante della catena sarebbe Carlo Verdone, reduce dalle riprese di Borotalco. L’attore organizzò una cena a casa sua della quale sia Massimo che Eleonora erano invitati. “Massimo era timido ma magnetico, delicato ma sicuro di sé, soffuso di grazia, di una lieve malinconia, ma sempre sorridente e solare”. Questa fu la prima impressione della Giorgi, resa così poeticamente nella sue dichiarazioni. Quella prima volta che si videro, però, non fu il momento del colpo di fulmine. Passarono una bella serata, ma prima che la vita si riunisse trascorsero ben due anni. Dopo quel lasso di tempo, i due si ritrovarono per puro caso, entrambi ospiti in un villaggio turistico in Costa d’Avorio. Di quell’occasione, che fu poi il principio della loro passione amorosa, Eleonora parla così:

“Massimo era allegro ed espansivo, ma restava per ore seduto all’ombra e io gli facevo compagnia; così, più da vicino, mi accorsi del ticchettio meccanico del suo cuore, che nel silenzio si faceva più evidente: fra noi è scoppiata una passione improvvisa, breve e bruciante. Insieme ridevamo e ci raccontavamo mille cose e al ritorno siamo rimasti amici. Poi ci siamo persi, io sono andata a stare in campagna mentre la sua carriera è cresciuta con successo”

Chissà quali ragioni l’avranno spinta a raccontare tutto questo dopo tanto tempo. Sarà stata forse la malinconia.

LASCIA UN COMMENTO