Il gossip è tornato mai come quest’anno a concentrarsi su di lui: parliamo di George Clooney, lo scapolo d’oro che come vi avevamo raccontato sembra aver trovato la sua stabilità sentimentale, perchè il prossimo Settembre l’attore hollywoodiano si sposerà. La fortunata è l’avvocato Amal Alamuddin, con cui sembra proprio che le cose non solo vadano molto bene, ma si fanno sempre più serie. Lui però forse cerca di spostare l’attenzione del gossip dal suo matrimonio, per stupire tutti: Clooney avrebbe infatti intenzione di intraprendere seriamente la carriera politica, un po’ come accadde al collega Arnold Schwarzenegger.

George Clooney pensa alla politica
George Clooney pensa alla politica

Sembra infatti che Clooney si sia candidato come prossimo governatore della California: rappresentate del partito di Obama, nel 2018 l’attore potrebbe essere il successore di Jerry Brown, che ricopre l’incarico dal 2011 dopo i due mandati di Schwarzenegger. A dare la notizia sarebbero delle fonti non ufficiali, ma citate da diversi media americani che vorrebbero l’attore come rappresentante di punta del partito democratico per le prossime elezioni. In realtà non è la prima volta che Clooney si mostra interessato alla politica: i suoi film alla regia come “Goodnight and good luck” oppure “Le idi di Marzo”, hanno sempre reso noto il suo forte interesse per la politica, sensibile in particolare alle battaglie per i diritti umani e per la pace. Non a caso nel 2008 l’attore è stato premiato per il suo impegno dalle Nazioni Unite, come messaggero di pace dell’Onu. E se poi ci aggiungiamo che la signora Alamuddin è anche lei coinvolta nei mondi diplomatici in cui si respira la politica internazionale, allora forse Clooney ha avuto modo di trasformare il suo interesse in una vera e propria passione arrivando a sognarne una carriera.

Ora però urgono i preparativi per le nozze, e dato che l’incarico arriverebbe nel 2018 la politica per ora può attendere.

LASCIA UN COMMENTO