A giudicare da una critica entusiasta  “Le Meraviglie” di Alice Rohrwacher ha incantato il pubblico di Cannes 2014: un film che utilizza la chiave della favola, mettendo da parte il realismo, per raccontare una piccola e delicata storia. Commozione e felicità per l’unico film in concorso per l’Italia a Cannes, presentato domenica 18 Maggio. Al centro della pellicola una famiglia di apicoltori che fugge in campagna, alla ricerca di un contatto primordiale con la terra che ci ha generati, rifiutando le quotidianità e le tristezze del mondo di concezione moderna. A fare da sfondo c’è l’Umbria, il cuore dell’Italia che però sfugge al vivere italiano quasi per costituire un mondo a se’ che tra cultura e natura mantiene un forte legame che i valori importanti.

Monica Bellucci incantevole a Cannes photocall Le meraviglie film
Monica Bellucci incantevole a Cannes photocall Le meraviglie film

Quella di scappare dal caos del moderno, e della città, è una tematica che nel cinema si ripropone spesso negli ultimi tempi, portatrice di un’esigenza molto forte e sentita oggi: il merito della Rohrwacher è quello però di aver raccontato quest’esigenza con gli occhi della favola, alla ricerca costante di una sua personale poetica registica. Un viaggio che ha affascinato anche gli attori protagonisti che hanno speso parole sentite per raccontare questo percorso-film, tra cui c’è anche la sorella della regista, l’attrice Alba: “Ci siamo sempre sostenute a distanza, è stata un’esperienza coinvolgente, un percorso fatto insieme, avevamo un mondo che riguarda la nostra memoria, l’educazione avuta e questo ha creato un terreno lavorativo immediatamente accessibile“, ha detto l’attrice italiana, tra le più brave e amate del nostro panorama.

Non meno profonde sono state le parole di Monica Bellucci: l’attrice molto attesa a Cannes è tra i volti protagonisti del film della Rohrwacher. Semplice nel suo vestito a pois rosso, e nessuna scollatura mozzafiato per lo stupore di tutti, la Bellucci è apparsa molto segnata dall’esperienza vissuta: “E’ stata un’esperienza umana, sono stata felice di conoscere questa persona sincera e franca. I film non vengono mai per caso, ero in un momento particolare della mia vita e il ruolo di questa specie di fata che forse è stanca di essere un sogno, mi è sembrato un ruolo irrinunciabile.”

LASCIA UN COMMENTO