Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello 12 a “Lo chiamavano Jeeg Robot”. La ex gieffina fa il grande salto e arriva al cinema che conta. La Pastorelli fa il salto di qualità e arriva al cinema con il film “Lo chiamavano Jeeg Robot, nelle sale italiane il 25 febbraio. L’opera è stata presentata in anteprima alla X edizione della Festa del Cinema di Roma e al Lucca Comics 2015.

 Ilenia Pastorelli debutta con Claudio Santamaria

Ilenia Pastorelli
Ilenia Pastorelli

Direttamente dalla XII edizione del Grande Fratello, nota per la relazione avuta con il rugbista Rudolf Mernone, la donna compare in uno dei film più attesi dell’anno. La pellicola è di origine nostrana ed è diretta da Gabriele Mainetti, prodotta da Rai Cinema e distribuita da Lucky Red. Il film è di genere fantascientifico, nuovo per la produzione e il pubblico italiano. Il protagonista sarà Claudio Santamaria, che vestirà i panni di Enzo Ceccotti, un ladruncolo romano che un giorno per sfuggire alla polizia decide di buttarsi nel Tevere. Avviene però che nell’acqua Enzo venga a contatto con una sostanza radioattiva, grazie alla quale acquisterà dei superpoteri che cambieranno la sua vita. Ilenia Pastorelli interpreterà la bella Alessia, una ragazza romana convinta di avere davanti il vero Jeeg, il protagonista del cartoon nipponico Jeeg Robot d’acciaio. Ilenia Pastorelli dichiara: «Alessia è molto complicata, ha avuto una vita molto complicata, densa di sofferenze e drammi ma nonostante ciò ride molto, quindi interpretarla è stato uno studio su di me e su di lei continuo. Tra le varie difficoltà le maggiori sono state cambiare spesso repentinamente emozione, come Alessia, ma in assoluto la sfida più grande, per me che non avevo mai fatto questo lavoro, è stata piangere veramente e come una bambina davanti a tutte le persone del set, è stato come spogliarsi nuda davanti a tutti. Ho avuto la fortuna di lavorare con Santamaria e Marinelli quindi sinceramente cercavo di imparare il più possibile, erano tutti fantastici, compreso il truccatore e il parrucchiere che la mattina mi facevano subito sorridere. Senza il Grande Fratello non avrei fatto nessun film».

LASCIA UN COMMENTO