Questa 71esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, organizzata dalla Biennale di Venezia, che si svolgerà al Lido di Venezia ancora per pochi giorni, fino al 6 settembre 2014 e diretta da Alberto Barbera sta dando agli spettatori grandi emozioni per il nostro cinema. Un film rischioso, un ritratto inedito di Giacomo Leopardi che ruba al pubblico ben 10 minuti di applausi. Terzo ed ultimo film italiano in concorso, “Il giovane favoloso”, interpretato da un convincente Elio Germano è un ritratto originale del poeta di Recanati, infelicissimo, ironico e attuale.

Venezia applaude il Leopardi di Martone
Venezia applaude il Leopardi di Martone

Non occorre conoscere Leopardi o l’Ottocento italiano per vedere il nostro film, basta anima e cuore perché Leopardi arrivi allo spettatore“, dice il regista Mario Martone. Tra i protagonisti: Isabella Ragonese, Michele Riondino, Massimo Popolizio, Edoardo Natoli, Anna Mouglalis, Valerio Binasco e Paolo Graziosi.

Nel film vediamo Leopardi un bambino prodigio che cresce sotto lo sguardo implacabile del padre, in una casa che è una biblioteca. La mente di Giacomo spazia, ma la casa è una prigione: legge di tutto, ma l’universo è fuori. In Europa il mondo cambia, scoppiano le rivoluzioni e Giacomo cerca disperatamente contatti con l’esterno. A 24 anni lascia finalmente Recanati. L’alta società Italiana gli apre le porte ma il nostro ribelle non si adatta.

Si apre anche la possibilità per Elio Germano, con il suo lavoro sul corpo, sulla voce e sugli sguardi, alla candidatura alla Coppa Volpi. Prosegue così la scia positiva del nostro cinema che ha raccolto giudizi positivi anche all’estero ed il protagonista.

LASCIA UN COMMENTO